25.7 C
Palermo

Coronavirus, nuovo Dpcm in Consiglio dei Ministri: nessuna stretta sui locali

DaLeggere

Il governo sta preparando un nuovo Dpcm, quello precedente scadrà il 7 ottobre e la recrudescenza del Coronavirus non permette di abbassare la guardia. Complice anche l’osservanza non del tutto impeccabile, da parte della popolazione, delle norme di comportamento sociale.

“Rinunciando anche ad alcune libertà per la salute – spiega il premier, Giuseppe Conte – qualsiasi misura sarà adottata in piena trasparenza e all’insegna dei principi di proporzionalità e adeguatezza. È stato così nella fase acuta della pandemia e così continuerà a essere. Tutelare la salute dei cittadini e quindi garantire condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro e ovunque si svolga la vita sociale, significa preservare anche l’economia e il nostro tessuto produttivo”.

Il nuovo Dpcm sarà presentato oggi in Consiglio dei Ministri e domani ci sarà il passaggio in Parlamento. L’orientamento è quello di far sì che le Regioni possano ‘restringere’ e non ‘allargare’ i provvedimenti di prevenzione alla diffusione del contagio. All’inizio si era parlato di limitare gli orari di apertura di pub e ristoranti, ipotesi poi tramontata assicurano. L’unico punto fermo pare sia l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto. Decisione, questa, che è già stata adottata da alcune Regioni come la Sicilia.

Per quanto riguarda feste private e cerimonie, il Cts consiglia all’esecutivo di disporre contingentamenti e un progressivo restringimento delle misure in autunno, periodo in cui si prevede un aumento dei contagi. Come scritto nei giorni scorsi, inoltre, c’è la proposta del governo alle Camere di prorogare lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021.

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli