19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

La “Questione meridionale”? Nello Musumeci accusa scetticismo e clientelismo | EDITORIALE

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

In Sicilia, dopo l’intontimento e il disorientamento per il Covid, che ha stravolto le nostre abitudini, anche familiari, non si è fermato, per nostra buona fortuna, e nell’ambito di alcuni incontri per la ripresa del Sud, l’interesse politico per il bene comune e per il suo futuro positivo, con nuove dichiarazioni, dibattiti, proposte  e provvedimenti che coinvolgono positivamente la gestione del governo regionale, tra i quali l’approvazione del governo centrale a nuove assunzioni nella Pubblica amministrazione siciliana, come ha riferito Cronaca di Sicilia.

Tutte ottime cose, che danno fiducia e fanno bene sperare, ma non quando si rispolvera, forse per comodità politica, il problema ultracentenario della “questione meridionale” che riguardava il nostro Sud quando era considerato – da oltre Napoli come ultima stazione ferroviaria -, territorio di confine, senza identità e terra di briganti. La “questione meridionale” è datata sin dall’Unità d’Italia, e denunciò il divario tra Nord e Sud isole comprese  – uno ricco e l’altro in povertà -, con il conseguente carteggio con dati allarmanti di una inchiesta sulle gravi condizioni sociali ed economiche della Sicilia, abbandonata nella povertà e in preda alla violenza e alla speculazione mafiosa, con i fanciulli sfruttati nelle miniere di zolfo delle province di Agrigento (una volta Girgenti) e di Caltanissetta.

L’indagine fu condotta nel 1876 dai deputati nazionali, Leopoldo Franchetti e da Sidney Sonnino, e suscitò enorme clamore, stupore e indignazione nel Parlamento del Regno d’Italia, da qui la denominazione “Questione meridionale”. I due deputati, che erano stati sollecitati da deputati siciliani, poterono accertare, con documentazioni e interviste ai magistrati, che oltre alla povertà, aggravata da tasse sui latifondi, era in atto l’ignobile sfruttamento minorile, organizzato da gruppi mafiosi, nelle miniere di zolfo delle province di Agrigento e di Caltanissetta in cui i carusi  venivano impiegati tutto il giorno e per pochi centesimi al trasporto di pesanti sacchi di zolfo estratto dalle miniere, caricati sulle spalle e portati sin dove veniva depositato per essere poi trasferito altrove.

L’inchiesta si soffermò sulla grande sofferenza umana della Sicilia che, ad appena pochi anni prima, si era battuta con i garibaldini e i siciliani per l’unità d’Italia. L’indagine dei due politici non provocò nessuna reazione, dopo i primi accesi dibattiti in Parlamento sulla Sicilia nota solo per la sua partecipazione all’impresa garibaldina. È una triste vecchia storia. L’allora questione meridionale non ha nulla a che fare con le problematiche sociali ed economiche di oggi. È, nel confronto tra Regioni e Governo per la ripresa del Sud, una nuova questione da proporre per la produttività e per la dignità della vita sociale. La percezione è però quella della politica del rilento, nonostante le manifestazioni di volontà di dare una decisa svolta, netta e positiva e non a spizzichi e bocconi come è nel costume generale, al settore economico, culturale e sociale.

Talvolta, sembra che più si è in difficoltà, più si è orientati a tuffarsi nella dietrologia anziché proiettarsi in avanti, mentre c’è necessità, da parte delle politiche regionali e comunali, di sapere impostare studi, ricerche e avviare provvedimenti  finanziari nel solo interesse della collettività –  come quello della Regione Sicilia che ha approvato stanziamenti per la funzionalità dei porti nelle nostre isole minori -, seguendo il principio umano e solidaristico che si evince dalla scienza politica – come è noto, studia la società dal punto di vista politico e analizza l’economia e il Diritto pubblico e privato con attenzione particolare -, relativa all’equa distribuzione di risorse a imprese industriali, oggi in piena difficoltà,  ad aziende artigiane, ai servizi pubblici, alle amministrazioni comunali e per il sostegno alle famiglie con disagio economico.

Al riguardo, Nello Musumeci, governatore della Regione Sicilia,  intervenendo ai lavori della prima giornata sul tema Sud-Progetti per ripartire, si è tolto più di un sassolino dalla scarpa, sostenendo (riferisce l’Ansa del 23 marzo scorso), e sollecitando ampio dibattito tra i presenti,  che della cosiddetta “questione meridionale si può anche morire, visto che se ne parla da 150 anni e dalle nostre parti il tema viene affrontato con un certo scetticismo. Nel Mezzogiorno –  ha ancora detto il Governatore – si corre il rischio di perdere le ultime potenziali risorse per la crescita e l’avanzamento, in quanto basato su problematiche ormai superate da 150 anni. Guai a dire che la colpa è sempre di Roma, la colpa è anche delle realtà locali, del clientelismo. Chiedo al ministro del Sud e al presidente del consiglio, qual è l’idea del Mezzogiorno che hanno Bruxelles e Roma, quale la proiezione del bacino euro-asiatico, perché solo se chiariamo questi obiettivi potremo capire cosa realizzare nel sud d’Italia. In Sicilia e nel Mezzogiorno i progetti sono fermi da almeno 30 anni, c’è quindi una contraddizione che si chiama lentezza”. Musumeci, infine ha lanciato l’appello: “Roma e Bruxelles devono capire che il sud non è una questione di meridionali perché i primi errori si fanno a Roma”.

È un atto di accusa a tutto il sistema politico nazional-europeo, quello di Musumeci, o è un modo di fare ammuìna politica (termine palermitano per dire: caos o confusione)? Segnali positivi però arrivano dal governo centrale, alla luce di annunciati nuovi investimenti e dei contributi dell’Ue in parte da destinare al Sud e in particolare alla Sicilia per la ripresa della produzione e il sostegno alle realtà locali, diverse da comune a comune. Ma intanto, anche il sindaco Leoluca Orlando qualche giorno fa aveva fatto sentire, nel suo ruolo di presidente dell’Anci-Sicilia, il suo scontento: le realtà locali  hanno bisogno di sostegno; “ne parlerò con Draghi“, dichiarò.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrà attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.