11.7 C
Palermo
domenica 18 aprile 2021 - Ultimo aggiornamento alle 09:57

Sanità siciliana in manette. Accuse, sospetti, indignazione e sgomento | EDITORIALE

DaLeggere

Coronavirus, riaperture e zone gialle dividono gli esperti: ecco cosa dicono

Le zone gialle e le riaperture di alcune attività dal 26 aprile, privilegiando quelle all’aperto, dividono gli esperti. Ad essere particolarmente preoccupato Andrea Crisanti.

Coronavirus in Italia, 15.943 contagi e 428 morti: il bollettino del 16 aprile

Sono 15.943 i contagi regione per regione da Coronavirus in Italia oggi, 16 aprile, secondo i dati del bollettino della Protezione Civile.

Covid, ok alle riaperture di cinema e teatri all’aperto: via pure alle lezioni in presenza

Riaperture cinema e teatri all’aperto, dal 26 aprile gli spettacoli all’esterno saranno consentiti. Lo riferiscono fonti di governo al termine della cabina di regia a Palazzo Chigi sulle misure anti Coronavirus in Italia.

Covid in Italia, 16.974 contagi e 380 morti: il bollettino del 15 aprile

Sono 16.974 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 15 aprile, secondo i dati delle regioni nel bollettino della Protezione Civile.

Il terremoto di arresti domiciliari per dati falsi sulla pandemia in Sicilia modificando, secondo le accuse, il numero dei tamponi e dei positivi, come Cronaca di Sicilia rende noto, apre allo sgomento, allo stupore, all’indignazione. Pur concedendo il beneficio del dubbio finché l’inchiesta giudiziaria non sia conclusa, l’amarezza e la delusione è palpabile. Ora ci si chiede se sono condizionati i provvedimenti adottati per il contenimento della diffusione del virus. E questo succede, all’insaputa del Governatore della Regione Nello Musumeci, affermano i giudici, quando venivano lanciati appelli a goderci la felicità per i risultati raggiunti sulla pandemia siciliana, di essere, comunque, fiduciosi nella Sanità.

Impressiona che a finire tra gli accusati ci siano alcuni funzionari del Dipartimento Regionale per le Attività Sanitarie e dell’Osservatorio Epidemiologico dell’Assessorato della Salute della Regione Siciliana. Nomi importanti, sui quali era riposta la fiducia generale come Maria Letizia Di Liberti e l’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza.

C’era  clima di fiducia, e di entusiasmo per  i controlli e sui dati sul virus che erano stati diffusi, adesso ci si chiede quali altri risvolti potremo attenderci. E c’era anche fiducia in una Sicilia prossima a raggiungere interessanti interventi per la ripresa produttiva, economica, per la riorganizzazione strutturale di porti e aree urbane, per i provvedimenti di sostegno alle famiglie a livello di povertà e di decrescita della disoccupazione. Proprio in questi giorni era stata diffusa la notizia del progetto inoltrato all’Europa  sulla ristrutturazione del Porto di Palermo con una complessa riqualificazione dell’area interfaccia che separa il Porto dal centro storico e che interessa la zona di via Crispi su una superficie di circa 52 mila metri (che era stata ricostruita dopo i bombardamenti dell’ultima guerra)  e tra il Molo Santa Lucia e il Molo Vittorio Veneto per evitare intasamenti nel traffico di autovetture e veicoli pesanti; e dell’area industriale di Termini Imerese (investimenti per 400mln tra Palermo e Termini), la destinazione di risorse per i porticcioli delle isole minori intorno alla Sicilia.

Il progetto esecutivo, che agisce su un’ottica turistico-culturale. E se andasse tutto a monte? Se qualche cavillo dovesse saltare fuori tra i tanti controlli? C’è ancora tanto altro da fare per il cammino verso la felicità di tutti: intensificare, in primis, la lotta contro la criminalità, colpendo anche gli evasori fiscali che sono i nemici principali dello sviluppo economico, rendere più efficienti, operative e in sicurezza le realtà locali più fragili e con le loro attività commerciali sottoposte al “pizzo”. La Sicilia, in questo momento sfiduciata, attende risposte chiare e subito.

 


Articoli correlati:

INTERCETTAZIONI | Falsi dati Covid, Palermo doveva diventare zona rossa: poi i numeri sono cambiati

Inchiesta sui falsi dati Covid in Sicilia, l’assessore Razza si dimette

Falsi dati Covid, posizione del commissario Costa al vaglio degli inquirenti

Falsi dati Covid: “Razza dice che i morti sono troppi, non diamoli tutti”

Falsi dati Covid in Sicilia, il gip: “Musumeci ingannato, estraneo a scellerato disegno politico”

“Falsificavano i dati sul Covid in Sicilia”, arrestato un dirigente della Regione: indagato l’assessore Razza

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

FOTO| Violento incendio nella notte a Messina, a fuoco un edificio di 3 piani

Stanotte intorno all'una  i vigili del fuoco del Comando di Messina sono intervenuti per un vasto incendio che ha coinvolto un casolare di tre piani.

Vasto incendio in un’azienda agricola di Catania: vigili del fuoco in azione

La squadra dei vigili del fuoco, del Distaccamento Sud del Comando Provinciale di Catania è intervenuta, ieri sera, per spegnere un incendio che ha coinvolto un'azienda agricola nei pressi della Collina Primosole.

Palazzo delle Aquile, Iv invoca il “modello Draghi”. Orlando: “Mai con Salvini”

“Chi propone l’alleanza con la Lega sconfessa la storia della città, il suo percorso consolidato negli ultimi anni", questa la risposta a Italia Viva del sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Covid, ancora zone rosse in Sicilia: “blindati” due comuni nel Siracusano

Continuano ad aumentare le zone rosse in Sicilia nonostante l'Isola sia rimasta in fascia arancione.

Open Arms, Samonà (Lega): “Salvini sarà processato per avere difeso l’Italia”

Così l'assessore regionale dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana Alberto Samonà (Lega) a proposito del rinvio a giudizio del leader della Lega Matteo Salvini.