19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

Mete storiche e turismo in Sicilia: urge promozione totale, non due pesi e due misure | EDITORIALE

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

Ci si chiede se sia giusto, mentre Palermo e altri comuni siciliani sono in zona rossa, auspicare oggi un’organica programmazione per la promozione turistica regionale; è da ritenere che sia il momento propizio in vista della prossima estate che ci si augura libera da contagi da Covid, a conclusione positiva del piano vaccini che dovrebbe assicurarci la piena immunità. Programmare la promozione turistica, con interventi finanziari e strutturali, è argomento già trattato nel corso degli ultimi anni, ma mai reso attuativo su scala regionale: significa assicurare al turismo impulso e vitalità, soprattutto in quei piccoli centri e borghi esclusi dalla mappa dei percorsi alternativi , nonostante costituiscano il bene culturale, per storia millenaria e clima salubre, non trascurabile.

Fa piacere il recente annuncio da parte della Regione Siciliana e reso noto dall’assessore regionale Alberto Samonà, di uno stanziamento di circa 750 mila euro annui per il prossimo triennio da destinare al restauro di dimore storiche; pur tuttavia, sembra – come è successo in passato – sia la classica politica dei due pesi e due misure, cioè che si preferisce una parte a discapito di un’altra con eguali esigenze. Vabbè, il fondo di solidarietà per i Parchi archeologici per incrementare risorse che saranno incassate dalla vendita di biglietti di ingresso, ma il resto delle “dimore storiche” e borghi antichi ? Dice l’assessore Samonà:Si conferma l’attenzione del governo Musumeci verso un settore come quello dei Beni culturali che, come altri, in questo momento sta soffrendo per le conseguenze di una crisi rispetto alla quale non potevamo restare indifferenti”. Giusto, ma è anche doveroso chiederci: e per gli altri siti storici,? Quali altri sono sotto l’occhio di ingrandimento  politico e amministrativo ?

Programmare per il futuro del turismo e per l’affluenza di turisti, soprattutto provenienti da altri Paesi, vuol dire anche – oltre i necessari e urgenti investimenti strutturali come rifacimento stradale e ristrutturazione di antichi ponti – avviare una campagna pubblicitaria in Italia e all’estero attraverso i mezzi di comunicazione giornalistica e tramite i quotidiani online che sono fonti di informazione diretta casa per casa, e non con sintetici comunicati d’ufficio, che dicono poco o niente, ma con servizi dettagliati di informazione sulle nostre dimore storiche; al riguardo, gli uffici stampa della Regione, i Comuni e l’Anci Sicilia potrebbero concorrere insieme, e  d’intesa con il Ministero ai Beni Culturali, affinché il turismo in Sicilia abbia, e come si merita, risonanza internazionale: storia medievale, borghi meno noti ma ricchi di tradizione, buona cucina dal profumo e sapori siciliani, mare blu, spiagge pulite, collegamenti viari più accessibili o più agevoli e qualche tratta ferroviaria in più sono la base su cui puntare per incentivare il richiamo turistico su vasta scala, ed uscire dall’isolamento e fare apprezzare la generosa accoglienza dei siciliani.

Bisogna, altresì, tenere viva l’attenzione verso l’insieme dell’artigianato locale, orgoglio e passione dei siciliani, come quello del ferro battuto con artistiche lavorazioni in stile spagnolesco che servono a proteggere i balconi, o in alcune masserie in cui vivono famiglie dedite alla lavorazione di formaggi, ricotta, alla produzione del vino, alla cura di piante tipiche della Sicilia. Il turismo religioso è un altro bene culturale da proteggere: piccole chiese di campagna presentano mosaici in oro e argento, immagini sacre dipinte da artisti siciliani, chiese medievali con i loro alti campanili e i loro altari che sono autentiche opere d’arte. Percorsi quasi sconosciuti che, invece, vanno inseriti nel piano turistico generale nell’ambito della tutela e dello sviluppo del bene culturale a cui è preposto, essenzialmente, l’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana.

Programmare prima, per essere pronti alla bella stagione; attivare soggiorni agevolati per gruppi di famiglia, abolire la fastidiosa  tassa di soggiorno negli alberghi, rendere rinnovate, con finanziamenti e sovvenzioni, le strutture alberghiere, aprire più musei e gallerie d’arte sono misure importanti per la nuova stagione della Sicilia “perla del Mediterraneo”,  con impegno economico del governo  regionale e con il contributo privato. Tenendo presenti queste problematiche da risolvere, si potrà affermare, come sostiene l’assessore Samonà,  che “non potevamo restare indifferenti” alla valorizzazione.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrĂ  attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.