19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

Coronavirus, riaperture e zone gialle dividono gli esperti: ecco cosa dicono

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

Le zone gialle e le riaperture di alcune attività dal 26 aprile, privilegiando quelle all’aperto, dividono gli esperti. Tra chi teme un aumento dei contagi da Coronavirus, chi definisce quella del governo una decisione puramente politica e chi ritiene l’allentamento graduale delle restrizioni una misura di buon senso.

CRISANTI. Ad essere particolarmente preoccupato Andrea Crisanti, per il quale è a rischio l’estate. “Con una situazione di contagio elevato, pensare alle riaperture vuole dire che tra un mese avremo un aumento dei casi di Covid-19 e l’estate sarà a rischio e dovremmo richiudere”, dice il direttore di Microbiologia e virologia dell’università di Padova. “Riproporre le zone gialle, quelle arancioni e rosse, è continuare con un sistema infernale – avverte – ed è la dimostrazione che in un anno non si è trovata un’alternativa efficace e non si sono costruiti strumenti adeguati per contenere l’epidemia. Siamo sempre lì, con oscillazioni tra zone gialle e arancioni, nelle prime si apre e il contagio aumenta”. Ieri il presidente del Consiglio ha parlato di “rischio ragionato” per la roadmap delle riaperture: “Mi auguro che abbiano delle proiezioni – osserva Crisantima i numeri non li vediamo, non c’è trasparenza. L’espressione ‘rischio ragionato’ è vuota e decisamente politica e non scientifica. Il rischio è dato da due componenti, la probabilità e l’intensità del rischio. Per la prima sappiamo già che i contagi aumenteranno e non è una probabilità, con le riaperture accadrà questo. Servirebbe un programma di vaccinazioni a tamburo battente per evitarlo. L’intensità – ricorda l’esperto – è la gravita del fenomeno e i nostri dati sono ancora alti, con le aperture aumenteranno e dovremmo chiudere proprio in estate, quando invece gli altri Paesi saranno fuori dal tunnel”.

GALLI. Sulla stessa linea Massimo Galli, per il quale “le riaperture sono un rischio calcolato male. Mi sembra scontato che invece di vedere la flessione” della curva dei contagi “che è appena accennata, finiremo per avere il processo opposto. A meno che non si riesca a vaccinare a tamburo battente tanta gente, ma non mi pare il caso”. Il professore, responsabile di malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, è “in allerta e in grande preoccupazione. Abbiamo ancora più di 500.000 casi ufficiali di infezione in atto”, ha detto, spiegando che “questo significa averne il doppio, quelle che ci sono sfuggite sono sicuramente molte. Alla fine del lockdown dell’anno scorso ce n’erano 100.000 ufficiali, anche se non erano meno di 400-500.000. Abbiamo fatto 23,5 dosi di vaccino per 100 abitanti, abbiamo ancora una parte rilevante di 70enni, 80enni e 90enni che non sono vaccinati”, aggiunge.

ANDREONI.Mentre gli altri Paesi del mondo sono ancora in lockdown o stanno lentamente uscendo dopo mesi di serrata e milioni di vaccinazioni, noi stiamo riaprendo con 15mila casi e 400 morti al giorno. In termini epidemici riaprire ora è un azzardo che ha una solo motivazione, quella politica e non certo un avallo scientifico”, ha detto il direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. “In un momento cruciale della campagna vaccinale italiana – rimarca Andreonidovremmo essere più rigorosi, pensare alle chiusure e non ad aprire. Ricordo che le terapie intensive vivono ancora una situazione molto complicata di allerta che non è risolta”. Sul fatto che il Cts abbia dato l’ok alla decisione di riaprire “il mio parere è che ci sia da parte della componente tecnica una condiscendenza alla politica”, avverte l’infettivologo.  .Deluso dal premier Draghi per la decisione di aprire alcune attività dal 26 aprile? “La mia sensazione è che in questo momento ci sia una reale debolezza della politica – risponde – chi deve mediare tra le varie anime presenti nel Governo è in difficoltà. Però è un fatto che stiamo andando in controtendenza rispetto all’Europa, spero che ci si renda conto delle conseguenze”.

BURIONI.La decisione di riaprire è una decisione politica e non scientifica. Questo l’ho scritto un anno fa ma è estremamente attuale”, twitta Roberto Burioni, virologo dell’università Vita-Salute san Raffaele di Milano. “È in questi momenti che la politica deve riappropriarsi di spazi che spesso ha colpevolmente trascurato o demandato ad altri – scriveva Burioni quasi un anno fa, parlando del dibattito sulle riaperture dopo il lungo lockdown – le conoscenze scientifiche sono fondamentali nel contribuire ad arrivare a decisioni quali la riapertura parziale delle attività, ma non possono essere l’unico aspetto da prendere in considerazione”. 

BASSETTI.La decisione sulle riaperture è di buon senso e si attendeva, anche perché non viene detto che da domani si apre tutto indiscriminatamente. Ma è giusto iniziare dalle aree esterne dei ristoranti e dei bar perché sappiamo che il contagio all’aria aperta è pari a zero. Draghi si è dimostrato un vero leader che si assume la responsabilità delle decisioni dopo aver sentito tutte le campane”, afferma invece Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria. “È chiaro che non c’è per questo tipo di decisioni il rischio zero, bisogna fare attenzione e monitorare, nelle aree dove le misure non vengono rispettate si deve tornare alla zona rossa – avverte – i furbi che non rispettano i protocolli vanno sanzionati subito”.  

Per Bassetti il cambio di passo sulle riaperture dal 26 aprile “è un segnale positivo, visto che i contagi e le ospedalizzazioni stanno lentamente scendendo. Infatti ‘perdiamo’ circa tra i 6-700 pazienti in media complessità e tra i 50 e gli 80 terapia intensiva. Quindi – suggerisce – mi pare che il trend sia in discesa anche se purtroppo ci sono ancora troppo decessi questo perché abbiamo troppi pazienti ricoverati (30 mila) e la letalità ospedaliera è tra il 5-7%. Purtroppo molti non ce la fanno. Questi numeri ancora per alcune settimana rimarranno”.  

MINELLI. Dal canto suo l’immunologo Mauro Minelli sottolinea come “abbiamo usato la pazienza e la prudenza per un anno, non cominceremo certo adesso a farne a meno, ma è da tempo che chiediamo un minimo di programmazione per le riaperture con date certe, non avendo mai condiviso la gestione delle chiusure mordi e fuggi e delle ‘zone cromatiche’. Non è certo per merito esclusivo di questi provvedimenti se stiamo finalmente vedendo, come vede anche il Governo, segnali luminosi. È la vaccinazione su larga scala che finalmente ci mostra il senso tangibile di una via d’uscita”, avverte il responsabile per il Sud della Fondazione italiana di Medicina personalizzata.

PREGLIASCO.Il piano di riaperture è graduale ma è un rischio, ci sarà un prezzo da pagare e dovremmo essere tutti molto consapevoli. Si è parlato di ‘rischio accettato’, quindi si sa che i morti ci saranno. Sono morti nell’esigenza di una ripresa sociale ed economica”, dice Fabrizio Pregliasco, virologo e docente dell’università Statale di Milano. “Come abbiamo fatto finora dovremo essere responsabili, questo non perché lo Stato voglia scaricare la responsabilità sui singoli ma perché comunque ci vuole una corresponsabilità, cioè – spiega Pregliascolo Stato sta accettando dei rischi e dobbiamo farlo insieme perché una progressione che possa essere confermata e che desideriamo tutti sia confermata, si basa su un’adesione dei protocolli e su una responsabilità dei singoli. Del resto – sottolinea il virologo – è la prima volta al mondo che si è cercato attraverso dei lockdown di contrastare una pandemia. Questa modalità finora del solo lockdown ovviamente sta diventando insostenibile in termini di accettabilità”.  

MENICHETTI.Mi pare sostanzialmente e oggettivamente un azzardo”, il parere di Francesco Menichetti, virologo e primario di Malattie infettive all’ospedale di Pisa. “Se è vero che abbiamo un Rt che è decisamente sotto l’1 sul territorio nazionale abbiamo però ancora un serbatoio si 450-500mila infetti e una campagna vaccinale che non riesce a decollare questo è il problema. Se noi nei prossimi 50 giorni, ovvero entro la fine di maggio, fossimo in grado di mettere in sicurezza tutti gli i nostri anziani compresi gli over 60 e i vulnerabili allora si potrebbe ragionare. In caso contrario, torno a ribadire, rischia di essere un azzardo”.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrà attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.