19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

Comune, Italia Viva invoca il “modello Draghi”. Orlando: “Mai con Salvini”

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

“Chi propone l’alleanza con la Lega sconfessa la storia della città, il suo percorso consolidato negli ultimi anni”, questa la risposta a Italia Viva del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, del vicesindaco Fabio Giambrone e gli assessori Giusto Catania, Vincenzo Di Dio, Giovanna Marano, Sergio Marino, Giuseppe Mattina, Paolo Petralia Camassa, Maria Prestigiacomo, Mario Zito. I renziani, ieri, hanno proposto di azzerare la Giunta per dare vita, sul modello Draghi, a un nuovo governo della città con tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale.

L’ultimo strappo si è consumato il 15 aprile dopo il no del Consiglio Comunale al Piano triennale delle opere pubbliche, bocciato con 16 voti contrari, 11 favorevoli e sei astenuti. Poi, la lettera del primo cittadino a firma congiunta con vicesindaco e assessori in cui Orlando ha puntato il dito contro chi remerebbe contro l’azione di governo dell’Amministrazione comunale.

“Le legalità dei diritti, confermata dalla Carta di Palermo – prosegue la nota in risposta alla richiesta di IV di azzerare la Giunta – è il progetto valoriale della nostra esperienza politica e istituzionale. I diritti delle persone, soprattutto in tempo di pandemia, hanno bisogno di maggiore cura e attenzione e, pertanto, reputiamo irricevibile qualsiasi ipotesi di governo cittadino con Salvini. Dal 2012 abbiamo contraddistinto il nostro impegno per una città interculturale, Palermo si è conquistata così un ruolo di prestigio internazionale per essere città dell’accoglienza”.

Matteo Salvini ieri è stato rinviato a giudizio a Palermo per il caso Open Arms e Orlando coglie l’occasione per precisare che “la bandiera della città sventola sul ponte di Mediterranea e su tutte le navi che hanno salvato vite umana nel Mar Mediterraneo e, per queste ragioni, la Lega al governo di Palermo è una proposta che ha il sapore della provocazione”.

Storia di una frattura annunciata quella tra Orlando e la sua maggioranza. Il Piano triennale delle opere pubbliche è soltanto la punta dell’iceberg di un “fuoco amico” che si trascina ormai da tempo. A Sala delle Lapidi si erano verificati “voti anomali” anche per la riqualificazione dell’area del Mercato Ittico, la mancata sospensione del regolamento sulle sanzioni per l’evasione, ed era stato bocciato anche il bilancio consolidato. Ma la politica, si sa, si gioca in campi da gioco anche al di fuori dei palazzi del potere e il 16 aprile un’altra mossa a sorpresa ha scosso gli equilibri dell’Amministrazione con la fuoriuscita di due dimissionari dal Cda della Rap, l’azienda dei rifiuti del capoluogo, provocando il decadimento del presidente Giuseppe Norata. Una partita all’arma bianca che rischia di mettere in ginocchio una città che non può permettersi alcun passo falso tra le varie emergenze rifiuti, sepolture, cantieri infiniti e ripercussioni economiche dovute alla pandemia. Orlando è chiamato a risolvere in fretta una crisi che in quanto tale non promette nulla di buono.

 

 


Articoli correlati:

Palazzo delle Aquile, Italia Viva rompe con Orlando: “Azzerare la Giunta”

Piano opere pubbliche, il “no” dell’Aula pesa: Orlando “striglia” la maggioranza

Palermo, il Consiglio Comunale boccia il Piano triennale delle opere pubbliche

Opere pubbliche: “Progetto bocciato, Palermo è senza un piano triennale”

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrà attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.