19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

Nijinski rivive a Palermo con il Corpo di ballo del Teatro Massimo: ecco quando

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

Il mito di Nijinski rivive nella coreografia di Marco Goecke che il Corpo di Ballo del Teatro Massimo diretto da Davide Bombana presenterà martedì 4 maggio in diretta streaming. C’è tutta la parabola esistenziale del celebre ballerino russo Vaslav Nijinski, mito della danza del Novecento, nella coreografia per quadri di Marco Goecke, nell’allestimento dell’Opernhaus di Zurigo, ripresa a Palermo da Fabio Palombo per il Corpo di Ballo del Teatro Massimo, diretto da Davide Bombana.

Il racconto dell’ascesa e della caduta di Nijinski, dai trionfi parigini all’isolamento in manicomio, si dispiega su una trama sonora che coniuga i concerti per pianoforte e orchestra n.1 e n.2 di Chopin con il Prélude à l’après-midi d’un faune di Debussy e le ninne nanne della tradizione russa nella versione dell’ensemble femminile Libana. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo la giovane direttrice israeliana Keren Kagarlitsky e al pianoforte Alexander Gadjiev che si fregia dell’ambìto titolo di “BBC New Generation Artist”.

Su un palcoscenico spoglio, disegnato dalle luci di Udo Haberland, dalle scene e costumi di Michaela Springer e dalla drammaturgia di Esther Dreesen-Schaback, appaiono i personaggi cruciali della vita leggendaria di Nijinski. Tra loro Sergej Diaghilev, amante dispotico e impresario dei Balletts Russes, l’amata madre Matka, la moglie Romola, che scatenò le gelosie di Diaghilev, l’amico Isayef, il Dottore, la Musa Tersicore e molti altri ancora. Fino allo stesso Nijinski, interpretato da Alessandro Cascioli, che danza tutto il genio inventivo e il disagio di una personalità tormentata dal “mal di vivere”.

In scena, a danzare Nijinski, oltre ad Alessandro Cascioli (Nijinski), Michele Morelli (Diaghilev), Romina Leone (Matka, la madre), Martina Pasinotti (Tersicore), Giovanni Traetto (Isajef), Linda Messina (Romola), Diego Mulone (Dottore), Giorgia Leonardi (La morte, “Quel Qualcosa”), Emilio Barone (Microboy), Yuriko Nishihara (Libellula), Alessandro Casà (Libellula uomo), Jessica Tranchina (Ragazza sbarra), Francesca Bellone (Spettro della rosa), Francesca Davoli (Solo sogno), Vincenzo Carpino (Solo sogno e Solo in rosso), Madoka Sasaki (Ragazza in rosso), Vito Bortone (scena gruppo).

Creato nel 2016, Nijinski è uno spettacolo pluripremiato che ha girato il mondo ed è firmato dal coreografo tedesco Marco Goecke, artista in residenza in compagnie europee prestigiose come la Gauthier Dance/Theaterhaus di Stoccarda, il Nederland Dans Theater dell’Aia e direttore dello Staatsballett di Hannover.  “Come coreografo – afferma Marco Goecke – Nijinsky ha sempre cercato nuovi modi di espressione … Mi è stato chiaro fin dall’inizio che volevo realizzare una coreografia emotiva, che traesse ispirazione dal personaggio di Nijinsky, ma che dovesse assolutamente andare oltre la ristretta cornice della biografia”.

La coreografia di Goecke è connotata da movimenti rapidissimi, minuti e nervosi, mani che vibrano, braccia che mulinano nell’aria, gesti che potrebbero ricordare sequenze del cinema muto e che evocano molti dei balletti che hanno reso celebre Nijinski e i Balletts Russes: da Petrushka a L’après- midi d’un faune, da Le spectre de la rose a Le sacre du printemps. Ma ci restituiscono anche tutto l’incedere della malattia in cui Nijinski è sprofondato via via, fino a perdersi consumato dal delirio schizofrenico. A Palermo lo spettacolo è stato ripreso da Fabio Palombo, assistente di Marco Goecke, e dal Maître de ballet Jean-Sébastien Colau.

Nijinski è disponibile da martedì 4 maggio alle 18.30 sulla webTv del Teatro Massimo diretta da Gery Palazzotto, con la regia televisiva di Antonio Di Giovanni. Per assistere basta collegarsi al sito www.teatromassimo.it.

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrà attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.