19 C
Palermo
lunedì 17 maggio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 02:14

Intese e alleanze in attesa del voto: l’Italia in corsa tra il “buono” e il “cattivo” |EDITORIALE

DaLeggere

Coprifuoco, Speranza: “Dati in miglioramento, si può allentare”. Domani la cabina di regia

“Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco” in Italia. Lo dice il ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d’Italia di Tennis a Roma. 

Coronavirus in Italia, 5753 contagi e 93 morti: il bollettino del 16 maggio

Sono 5.753 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 16 maggio, secondo i dati regione per regione nel bollettino della Protezione Civile.

Covid, gli effetti dei vaccini in Italia: crollo dei contagi e dei morti

Trentacinque giorni dopo la prima dose di vaccino, il rischio decesso per Covid cala del 95%; il rischio di ricovero del 90%; quello di contrarre l’infezione dell’80%.

Coronavirus, superata la soglia dei 27 milioni di somministrazioni in Italia

Sono 27.011.116 le dosi di vaccino contro il Covid somministrate in Italia e 8.475.672 (pari al 14,30% della popolazione) le persone che hanno ricevuto anche la seconda dose.

Mentre continua il balletto vaccini – positivi Covid – meno o più contagi, questo mese di maggio 2021 si annuncia con un’Italia nel grembo del “grande Paese” che sta per nascere, da Palermo alle Alpi, e mentre il Pd richiama tutti uniti nel rispetto dei diritti e doveri, e Gentiloni, commissario europeo all’economia parla di ripresa del nostro Paese: l’Italia nel capiente grembo è quella delle nascoste intese tra partiti già in essere e volte a guadagnarsi più spazi e posti di prestigio nell’ambito delle elezioni Amministrative con nuovi scenari.

E si spiegano, così, i tanti “avvisi” di amministratori comunali e regionali sul piano di interventi futuristici che dovrebbero garantire più strutture, più lavoro, miglior vita sociale ed economica.  Avvisaglie pre-elettorali che puntualmente si registrano ogni qual volta l’Amministrazione pubblica, nel suo insieme, chiama alle urne il popolo ignaro delle manovre nascoste. Succede anche per le lezioni nazionali dalle quali dovrebbe nascere lo schieramento di uomini e donne a nostra rappresentanza. Come sempre è stato, il termine usato da tutti è “cambiamento” che affascina colti e incolti e che è l’arma vincente (o quasi) della politica italiana. Ma l’esperienza su promesse espressamente dette e poi non mantenute, ci impone ad essere prudenti nell’esercizio del voto alle urne.

Prudenti e sospettosi se le candidature hanno i nomi di chi ha già deluso politicamente, o di chi, parlando in nome del cambiamento, ha sciorinato sino ad ora provvedimenti improponibili allo scopo di mantenere alto il livello della strumentalizzazione scientificamente organizzata, bloccando di fatto i cammini legislativi a prescindere di ogni ragionevolezza politica e di “buon amministratore”, usando a piacimento la carta del “credito buono” e del “credito cattivo” (verso gli italiani), estrapolandola dal loro  autentico significato nel quadro della politica economica.

È noto che il “credito buono” è quello che si concede alle imprese che garantiscono il ripianamento della impresa aziendale e quindi lo sviluppo dell’attività produttiva, viceversa il “credito cattivo” è la partecipazione finanziaria a fondo perduto perché non garantito da alcuna ripresa di attività; ma alcuni politici sono bravi a confondere le idee parlando con disinvoltura del sistema che regola i due “crediti” come “sistema buono” da adottare in tutte le fasce sociali come fosse un gioco di prestigio per nascondere il non democratico ruolo del “cattivo amministratore” di beni e servizi per il popolo italiano.

Da qui, parte la vasta propaganda politica di alcuni  partiti in tempo di elezioni e con soliti nomi, palla come macigno al piede del cammino democratico e istituzionale. Ma mentre si combinano nuove intese e alleanze in vista della chiamata alle urne, sarà un elettorato, frattanto, rispetto a oggi, più responsabile e più capace di scegliere, a saper scindere il “buono” dal “cattivo” dalle liste precompilate,  e indicare, per l’auspicato vero cambiamento, ed eleggere nominativi che per capacità e formazione culturale siano degni rappresentati dell’Italia democratica aperta al dialogo e alla ripresa socio-economica.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Delitto Roberta Siragusa, il 26 maggio incidente probatorio davanti al gip

L'incidente probatorio per l'omicidio di Roberta Siragusa si svolgerà il 26 maggio davanti al gip di Termini Imerese Angela Lo Piparo. 

In Sicilia centri per l’assistenza dei migranti regolari in ogni provincia: il bando

In ogni provincia siciliana verrà attivato un centro polifunzionale per l'assistenza ai circa 190 mila migranti regolari presenti nell'Isola.

Covid in Sicilia, 405 nuovi contagi e 3 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 maggio.

La droga nascosta nelle mutande, 53enne incensurato in manette a Belpasso

In manette a Belpasso, Catania, un 53enne ritenuto colpevole di detenzione di droga ai fini di spaccio. Ad effettuare l'arresto i carabinieri della Stazione locale.

In casa con droga e munizioni, 21enne dai domiciliari al carcere nel Catanese

I carabinieri della Stazione di Belpasso hanno arrestato un pregiudicato di 21 anni del posto, in esecuzione di una ordinanza di aggravamento della misura cautelare.