11.6 C
Palermo
sabato 27 novembre 2021 - Ultimo aggiornamento alle 22:41

Violenza omofoba a Palermo, siamo tutti responsabili: legge Zan subito |EDITORIALE

DaLeggere

Covid in Italia, 12.877 contagi e 90 morti: il bollettino del 27 novembre

Sono 12.877 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, sabato 27 novembre 2021, secondo i dati e i numeri Covid– regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute.

Obbligo mascherina all’aperto, Boccia: “Inevitabile prima di Natale”

“Tornano le varianti, tornano le prime zone gialle come in Friuli Venezia Giulia; così com’era prevedibile, l’emergenza Covid-19 non è finita".

Nordcorea, Kim Jong-un vieta il giubbotto di pelle

Solo il partito può decidere chi si può mettere un giubbotto di pelle in Corea del Nord. Il leader nordcoreano Kim Jong un ha cominciato ad esibirlo nel 2019 e presto è diventata una moda.

Variante sudafricana Omicron, Gismondo: “Allarmismo da incoscienti”

Sulla variante sudafricana Omicron del Covid “si stanno già diffondendo voci allarmistiche”, con “conseguenze che abbiamo già visto, con il crollo in borsa".

Sabato sera, due ragazzi gay camminano tenendosi per mano in via Maqueda, cuore pulsante del centro storico di Palermo. La penombra di una dolce serata di maggio viene squarciata da urla e insulti. Li accerchiano, li umiliano con epiteti indegni, poi li pestano. Uno dei due finisce all’ospedale con il naso fratturato a causa di una bottigliata ricevuta sul volto. Loro, una coppia di turisti torinesi, stavano soltanto cercando un bed and breakfast dove passare la notte. Sono stati affrontati da un gruppo di giovanissimi, tra loro anche delle ragazze. Sono trascorsi appena due giorni dall’episodio e sembra tutto stia già iniziando a scomparire: rabbia, indignazione, stupore, semplice morbosa curiosità. Dai racconti frammentati, alcuni fatti dalle vittime, altri ottenuti de relato, sembra che nessuno sia intervenuto durante il pestaggio.

Giusto? Sbagliato? I cittadini sono chiamati ad essere coraggiosi, o i controlli sono carenti? Interrogativi che é giusto porsi, ma non basterebbero fiumi di inchiostro per svelare ipocrisie e aspetti di noi stessi che mai spereremmo di riconoscere. Soprattutto non deve giudicare chi quella sera non stava lì. Una sola certezza, quello che é successo é schifoso, stomachevole, indegno. Va detto senza perifrasi e senza alcun atteggiamento bonario in relazione all’età di questi criminali in erba. Al di là dei commenti di pancia, la riflessione é obbligata, dobbiamo tutti chiederci cosa avremmo fatto se fossimo stati testimoni di quello scempio. Ci si può solo inchinare di fronte a tanta sofferenza umana, quella degli aggressori, e farlo due volte rispetto a chi da vittima non si é lasciato andare a proclami e invettive che sarebbero stati comunque più che giustificati.

L’episodio di via Maqueda é stato solo lo sfiatatoio del ventre molle di chi l’argomento, spinoso, delicato per certi versi, soprattutto se accostato ai temi della famiglia, lo ritiene marginale. Marginalità che non si esaurisce nell’accezione pura del termine ma nel sillogismo “signora mia, finché se ne stanno per i fatti loro per me non sono un problema”. Nel ghetto. Nel ghetto dei sentimenti, dei diritti, della libertà di camminare in strada con il proprio compagno senza per questo dover fare i conti con il batticuore. Nel migliore dei casi si parla di “tolleranza”.  Chi pratica tolleranza si colloca automaticamente in una posizione di superiorità, sarebbe sacrosanto discutere di amore e di “accoglienza”. Già, accoglienza. Purtroppo. Testimonianza che la società ha relegato le persone gay a una marginalità da cui dobbiamo invece strapparli via. Almeno, é un termine più dolce ed equo di “tolleranza”. Bisogna anche sapersi accontentare. A volte, e per un periodo limitato di tempo.

Sempre nell’alveo della “tolleranza” il ragionamento di chi liquida la questione con “per me non c’é alcun problema, ognuno nella propria camera da letto é padrone di fare quello che vuole”. Ma guai a parlare di diritti. Come se la vita di un gay iniziasse e finisse con la bestialità di amplessi consumati al sicuro di lenzuola color arcobaleno, dentro le quattro mura di casa, e se la casa é lontana dal centro abitato é pure meglio. Possiamo anche concedere loro di andare a fare shopping con un’allure in formato Michel Serrault, ma niente di più. I diritti no. Invece i diritti sì, e occorre urlarlo. La sopraffazione o la discriminazione di un uomo su un altro uomo é una cosa orripilante, il disegno di legge Zan deve trovare la sua giusta collocazione all’interno del Codice Penale perché la cosiddetta “omofobia” verrebbe così inserita negli articoli 604 bis e ter, costituendo un’aggravante.

Curioso che tra chi si oppone al ddl ci sia anche chi in passato si é battuto per l’ingresso della categoria del “femminicidio” come aggravante dell’omicidio, ma ora rifiuta il sostegno a un’altra categoria “vulnerabile” (solo perché noi l’abbiamo resa tale) ritenendo che questo possa andare a inferire sulla libertà di espressione. Ragioni infime, false e speciose che fanno da sponda a chi sciorina statistiche sull’esiguità degli omicidi avvenuti con il movente dell’odio di genere. Ammettiamo pure sia così, non c’é mica bisogno di pensare alle estreme conseguenze, prima dell’omicidio ci sono le aggressioni verbali e fisiche, le umiliazioni, le prepotenze, ma fosse anche soltanto un caso all’anno, quell’unico caso andrebbe punito con strumenti adeguati.

Un grande poeta contemporaneo, morto prematuramente, parlando del suo periodo scolastico, amava raccontare di quanto fosse amico di un suo compagno gay che per questo veniva deriso: “Avrei voluto essere omosessuale come lui almeno per un giorno per fare dispetto a tutti quegli imbecilli che lo odiavano e lo sfottevano, perché io li avrei fatti impazzire”.

“L’amicizia é una forma di amore senza la complicazione del sesso”, diceva invece Charles Bukowski circa venti anni prima. Il disegno di legge Zan non é altro che questo, una forma di amore nei confronti di altre persone che rischiano più di altre di essere vessate. Il sesso non ha niente a che fare con i diritti, qui si tratta di garantire l’accesso a una vita serena a persone che con la vita non ci sono mai “c’entrate” ma che ci sono sempre entrate ed é arrivato il momento che lo facciano dalla porta d’ingresso. Cronaca di Sicilia appoggia il disegno di legge Zan, si augura che presto arrivi l’ok del Senato e sta dalla parte dei ragazzi aggrediti sabato senza “se” e senza “ma”.

 

Scarica il ddl Zan  QUI.

 

 


Articoli correlati:

Violenza omofoba a Palermo, circondati e umiliati: un amico racconta il pestaggio

Coppia gay aggredita a Palermo, il sindaco di Torino: “Vigliacchi, ignobile violenza”

Palermo, aggredita coppia di turisti gay: pestati perché si tenevano per mano

Palermo contro le discriminazioni, in piazza per dire “sì” alla legge Zan

 

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Covid in Sicilia, 645 nuovi positivi e 8 vittime: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 27 novembre.

Orrore a Messina, abusi sessuali sulla figlioletta: video diffusi in chat. Arrestato

L'orco era proprio il papà che la costringeva ad avere rapporti sessuali per poi filmarli e condividerli con altri.

Falsa disabile per avere trasferimenti e permessi: docente indagata a Lentini

Indagata una docente a Siracusa con l'accusa di truffa ai danni dello Stato. L'indagine della Guardia di Finanza di Lentini nei confronti di una insegnante.

Trapani, arrestato messaggero di Messina Denaro: deve scontare 3 anni

I carabinieri della Stazione di Gibellina hanno arrestato Leonardo Agueci, 34 anni. L'uomo era già finito in manette nell'agosto del 2015 nell’ambito dell’operazione "Ermes".

Caso Denise, Piera Maggio: “Temiamo l’oblio, ma chiediamo solo la verità”

"Abbiamo paura per quello che potrebbe accadere in futuro al nostro caso, l'oblio totale".