20.7 C
Palermo
giovedì 17 giugno 2021 - Ultimo aggiornamento alle 10:57

Blitz antiusura a Palermo, pure Marco Baldini tra le vittime della banda

DaLeggere

AstraZeneca, class action Codacons: “Già 10mila richieste per il risarcimento”

Le adesioni all’azione collettiva lanciata dal Codacons per il risarcimento in favore di tutti i soggetti con meno di 60 anni che hanno ricevuto dosi di Astrazeneca “crescono di ora in ora".

Covid in Italia, 1400 contagi e 52 morti: il bollettino del 16 giugno

Sono 1.400 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia secondo il bollettino di oggi, 16 giugno. Nella tabella si fa riferimento ad altri 52 morti. I tamponi fatti da ieri sono stati 203.173 tamponi con un tasso di positività allo 0,6%.

Italiano parla come mangi, si pronuncia e si scrive “cibersicurezza”: lo dice la Crusca

Il gruppo di linguisti Incipit ritiene che in italiano la parola "cibernetica", da cui si può far derivare il prefisso "ciber-" (che va pronunciato com'è scritto), indichi la strada preferibile per la formazione di neologismi.

Da domani esami di maturità per 540mila studenti: come funziona, le regole

Maturità 2021, domani si parte. Mercoledì 16 giugno oltre 540mila studenti dovranno affrontare l’ultimo scoglio della loro carriera scolastica e affrontare il tanto temuto e agognato esame di maturità.

Tra le vittime della banda di usurai, sgominata oggi dalla guardia di finanza di Palermo, c’era anche il conduttore radiofonico Marco Baldini. È quanto emerge dall’operazione Tonsor che ha portato all’esecuzione di cinque misure cautelari personali e al sequestro di beni per 500mila euro. Il gruppo criminale operava tra Roma e Palermo e a capo c’era, secondo gli investigatori delle Fiamme Gialle, Salvatore Cillari, fratello di un boss ergastolano.

Nel 2017 Baldini finisce nella sua rete e dalle intercettazioni emerge come a giugno del 2018 il conduttore radiofonico dovesse ancora restituire circa 60mila euro. Non sapendo di essere intercettato, infatti, uno degli indagati rivela: “Avanza un terremoto di soldi… Questo Marco Baldini… questo di Roma… ci deve dare (a Salvatore Cillari, ndr) sessanta e rotti mila euro… ora domenica parte… ci ha telefonato… vedi che sto salendo… ti sto venendo a rompere le corna”.

È il 24 gennaio del 2017 quando Cillari chiama Baldini.Sti soldi, com’è finita Marco? Manco una lira… Cazzo della miseria Marco… manco mille lire”, si lamentava, avvertendo il suo interlocutore: “Io qua a Roma sto”. “Allora domani ci vediamo, stai tranquillo“, rispondeva Baldini. Tre mesi dopo Cillari continuava a incalzarlo: “Mi dai sempre delle notizie, poi invece mi lasci in asso. Tu dici che dovevi prendere i soldi… sono passati sette mesi… non prendi nulla… anzi quasi un anno”.

Davanti alle giustificazioni del suo interlocutore Cillari taglia corto: “Marco io so solo una cosa… io ti ho fatto solo del bene a te“. A giugno del 2018 l’ennesima telefonata: “Sono passati anni, ora basta Marco. Non è giusto che mi posi così perché io me li sono levati dalla bocca… Vedi che io ti ho voluto bene e ti ho rispettato come un fratello Marco… e tu non mi puoi trattare così”. 

Ma tra le vittime della banda, c’erano soprattutto imprenditori del settore del commercio di mobili e dell’antiquariato in difficoltà Tra gli indagati, che devono rispondere, a vario titolo, di associazione a delinquere, esercizio abusivo dell’attività finanziaria, usura, estorsione e autoriciclaggio, anche Giovanni Cannatella, 49 anni, antiquario di Palermo. “Era uno dei soggetti che collaborava nella ricerca delle persone in difficoltà”, spiegano gli investigatori delle Fiamme gialle.

La banda operava tra Palermo e Roma, dove il punto di riferimento era costituito da Achille Cuccia, 61 anni, raggiunto dal divieto di dimora nel territorio del Comune di Palermo. A capo del gruppo, invece, c’era Salvatore Cillari, i suoi complici lo chiamavano “succhiasangue” e dalla sua poteva contare su “parentele eccellenti”. “Tre dei suoi fratelli sono stati condannati per mafia, uno all’ergastolo. Il collegamento con Cosa nostra emerso dalle indagini è solo familiare”, dicono ancora gli inquirenti. “La banda applicava tassi di interesse sino al 140 per cento annuo e per convincere i creditori più ‘riottosi’ non esitava a ricorrere alle minacce. Abbiamo ricostruito forme di pressione psicologica tramite minacce verbali, gli indagati erano pronti a recarsi a casa delle loro vittime e facevano loro capire che non andavano per discutere”.

 

 


Articoli correlati:

VIDEO| “Di giorno ristoratore, la sera usuraio”, 4 arresti a Palermo: sigilli per un locale della “movida”

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Incidente mortale sulla A18, scontro tra auto: due morti e quattro feriti

Incidente mortale nella notte sulla A18 dove ha perso la vita un minorenne e sono rimaste ferite gravemente 5 persone.

Sovrintendente Foss, Miccichè: “Dubbi sulla nomina, l’Ars faccia chiarezza”

"Chiederò All’Ars di esaminare i curricula per verificare se la scelta è caduta sul migliore. Tutto ciò era stato già anticipato dai giornali che evidentemente sapevano come sarebbero andate le cose”.

Sanità, Barbagallo: “Carenza di personale al Gravina di Caltagirone, situazione grave”

“Nel dibattito di oggi è emersa tutta la gravità della situazione dell'ospedale ‘Gravina’ di Caltagirone. Oggi anche la commissione sanità dell’Ars ha voluto vederci chiaro".

Covid in Sicilia, 168 nuovi contagi e 8 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 giugno.

VIDEO| Nuova eruzione dell’Etna, fontana di lava e pioggia di cenere su Catania

L'Etna dà spettacolo con una fontana di lava, durata circa un'ora, dal cratere di Sud-Est e l'emissione di un'alta nube eruttiva che si è trasformata in pioggia di cenere lavica.