20.7 C
Palermo
giovedì 17 giugno 2021 - Ultimo aggiornamento alle 11:16

Catania, concorsi truccati all’Ateneo: il pm chiede il processo per 45 imputati

DaLeggere

AstraZeneca, class action Codacons: “Già 10mila richieste per il risarcimento”

Le adesioni all’azione collettiva lanciata dal Codacons per il risarcimento in favore di tutti i soggetti con meno di 60 anni che hanno ricevuto dosi di Astrazeneca “crescono di ora in ora".

Covid in Italia, 1400 contagi e 52 morti: il bollettino del 16 giugno

Sono 1.400 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia secondo il bollettino di oggi, 16 giugno. Nella tabella si fa riferimento ad altri 52 morti. I tamponi fatti da ieri sono stati 203.173 tamponi con un tasso di positività allo 0,6%.

Italiano parla come mangi, si pronuncia e si scrive “cibersicurezza”: lo dice la Crusca

Il gruppo di linguisti Incipit ritiene che in italiano la parola "cibernetica", da cui si può far derivare il prefisso "ciber-" (che va pronunciato com'è scritto), indichi la strada preferibile per la formazione di neologismi.

Da domani esami di maturità per 540mila studenti: come funziona, le regole

Maturità 2021, domani si parte. Mercoledì 16 giugno oltre 540mila studenti dovranno affrontare l’ultimo scoglio della loro carriera scolastica e affrontare il tanto temuto e agognato esame di maturità.

La Procura di Catania, a conclusione dell’intervento in aula davanti al gup Simona Ragazzi, ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per i 45 imputati del secondo troncone dell’inchiesta ‘Università bandita’ su presunti concorsi truccati nell’Ateneo. Tra loro alcuni docenti di altre facoltà italiane, l’ex procuratore di Catania Vincenzo D’Agata, una sua figlia docente universitaria, l’ex sindaco del capoluogo etneo Enzo Bianco e l’ex assessore comunale e professore universitario Orazio Licandro.

L’inchiesta si basa su indagini della Digos della questura coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro e dall’aggiunto Agata Santonocito. Nel troncone ‘principale’ sono imputati nove docenti, compresi anche gli ex rettori Francesco Basile e Giacomo Pignataro, e la Procura ha già chiesto, il 15 aprile scorso, al gup Marina Rizza il loro rinvio a giudizio.

Chiesta anche la condanna a due anni di reclusione per il professore Giancarlo Magnano di San Lio, che ha fatto ricorso al rito abbreviato. A tutti e 10 sono contestati l’associazione per delinquere, turbata libertà di scelta del contraente, abuso d’ufficio, induzione indebita a promettere o dare utilità, corruzione per atti contrari ai propri doveri e falso ideologico e materiale.

 

 


Articoli correlati:

“Truccavano concorsi all’Università”: la Procura chiede il rinvio a giudizio

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Furbetti del buono spesa, otto denunce nel Palermitano

Avevano fatto richiesta per il 'buono spesa' nonostante percepissero già la Naspi e il reddito di cittadinanza.

Mandragora scambiata per borragine, una famiglia finisce in ospedale

Un'intera famiglia ha scambiato la mandragora per borragine ed è finita intossicata in ospedale. Padre madre e tre figli originari del Bangladesh sono stati ricoverati tra Civico, Policlinico e Di Cristina.

Incidente mortale sulla A18, scontro tra auto: due morti e quattro feriti

Incidente mortale nella notte sulla A18 dove ha perso la vita un minorenne e sono rimaste ferite gravemente 5 persone.

Sovrintendente Foss, Miccichè: “Dubbi sulla nomina, l’Ars faccia chiarezza”

"Chiederò All’Ars di esaminare i curricula per verificare se la scelta è caduta sul migliore. Tutto ciò era stato già anticipato dai giornali che evidentemente sapevano come sarebbero andate le cose”.

Sanità, Barbagallo: “Carenza di personale al Gravina di Caltagirone, situazione grave”

“Nel dibattito di oggi è emersa tutta la gravità della situazione dell'ospedale ‘Gravina’ di Caltagirone. Oggi anche la commissione sanità dell’Ars ha voluto vederci chiaro".