24.9 C
Palermo
domenica 25 luglio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 20:44

AstraZeneca, class action Codacons: “Già 10mila richieste per il risarcimento”

DaLeggere

Covid in Italia, 4743 contagi e 7 morti: il bollettino del 25 luglio

Sono 4.743 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia (ieri 5.140), secondo i dati del ministero della Salute diffusi dalla Protezione Civile.

Violenza sessuale sull’autobus, due anni di abusi su una disabile: 8 autisti indagati

Otto autisti dell’Amat, l’azienda di trasporto pubblico di Taranto, sono indagati per violenza sessuale aggravata ai danni di una ragazza disabile di vent’anni.

Tenta di uccidere la moglie davanti alla figlia, poi si suicida lanciandosi dalla finestra

Quando la moglie si è addormentata abbracciata alla figlia di 6 anni che era con loro a letto, ha impugnato delle forbici tentando di ucciderla.

Covid, effetto Green pass: inizia la corsa ai vaccini, boom di prenotazioni

Il governo estende l’uso del Green pass mentre il premier Mario Draghi lancia un appello sulla necessità di vaccinarsi. In poche ore è boom di prenotazioni nelle regioni.

Le adesioni all’azione collettiva lanciata dal Codacons per il risarcimento in favore di tutti i soggetti con meno di 60 anni che hanno ricevuto dosi di Astrazeneca, oggi denominato Vaxzevria, “crescono di ora in ora, stiamo raggiungendo i 10mila richiedenti e c’è un fortissimo riscontro”. Lo annuncia il presidente del Codacons Carlo Rienzi, dopo la clamorosa risonanza avuta dal ‘lancio’ dell’azione di risarcimento ad opera dell’associazione dei consumatori qualche giorno fa. “Ci sono centinaia e centinaia di persone che ci hanno scritto per chiedere aiuto in questa situazione, e in 10mila hanno già scaricato il modello della diffida dal nostro sito e che ci hanno chiesto di intervenire”, spiega Rienzi.

Under 60 vaccinati con Astrazeneca, Codacons lancia la class action per i risarcimenti

Complice anche la prospettiva di un risarcimento record che, secondo l’associazione, è possibile domandare (“si può chiedere fino a 10mila euro di risarcimento”, aveva dichiarato il Codacons lanciando l’azione collettiva), è boom di cittadini “che si ritengono lesionati dalla comunicazione farraginosa e contraddittoria da parte delle istituzioni”, sottolinea Rienzi. Che spiega: “La particolarità sta nel fatto del danno da rischio e paura. Ci basiamo, oltre che su una nota giurisprudenza in materia che riconosce il danno da rischio sanitario, anche sulla sentenza della Corte d’Assise di Taranto sul caso Ilva di pochi giorni fa, in cui rappresentavamo 50 cittadini, che ha riconosciuto ai richiedenti un risarcimento di circa 5mila euro ciascuno per essere stati esposti alle sostanze tossiche. Dunque per il danno potenziale e per il rischio corso sul fronte sanitario, anche in assenza di danni effettivi alla salute”.  

Il possibile danno morale “è duplice – prosegue Rienzi oltre alla paura di ciò che può accadere dopo l’episodio di Camilla, c’è anche quello della paura di cosa possa accadere con il secondo vaccino di tipo diverso da quello della prima dose, non essendoci elementi certi per dare le dovute sicurezze ai cittadini sul fronte della salute”. L’azione, tiene a sottolineare il presidente del Codacons, “non è contro Astrazeneca, ma contro lo Stato, le regioni e le Asl, che hanno diffuso informazioni contraddittorie, contrastanti e molto diverse mettendo i cittadini in una situazione di angoscia. E’ una cosa molto grave, perché sono arrivati al punto da non far capire cosa si dovesse fare, e una volta fatto, a sentirsi pure dire che non lo dovevano fare”. Le cifre prospettate dal Codacons “non sono assolutamente campate in aria – puntualizza Rienzi – e l’azione, lo garantisco, non è assolutamente infondata”. 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Tragedia a Panarea, giovane sub di 16 anni muore durante l’immersione

Tragedia a Panarea, nelle Eolie, dove un ragazzo di 16 anni ha perso la vita durante un'immersione. Ancora non del tutto chiarite le cause del decesso ma si pensa ad un malore.

Covid in Sicilia, nessuna vittima e 568 nuovi contagi in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 25 luglio.

Focolaio Covid a Stromboli: 14 positivi, panico tra turisti e residenti

Principio di focolaio Covid a Stromboli, nelle isole Eolie. I positivi sono adesso 14, isolani e vacanzieri chiedono di effettuare il tampone.

Addio al Baretto di Mondello, Anello: “Non deve chiudere, dal Comune una soluzione”

Lo dice Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega a Palazzo delle Aquile e vice presidente della commissione attività produttive.

Palermo, l’aggressione ai turisti gay: ci sono tre indiziati, due minorenni

I due turisti torinesi erano stati aggrediti perché camminavano mano nella mano nel centro storico di Palermo.