24.9 C
Palermo
lunedì 26 luglio 2021 - Ultimo aggiornamento alle 21:46

Covid, Confcommercio Sicilia: “Green pass alla francese colpirebbe settori allo stremo”

DaLeggere

Covid in Italia, 4743 contagi e 7 morti: il bollettino del 25 luglio

Sono 4.743 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia (ieri 5.140), secondo i dati del ministero della Salute diffusi dalla Protezione Civile.

Violenza sessuale sull’autobus, due anni di abusi su una disabile: 8 autisti indagati

Otto autisti dell’Amat, l’azienda di trasporto pubblico di Taranto, sono indagati per violenza sessuale aggravata ai danni di una ragazza disabile di vent’anni.

Tenta di uccidere la moglie davanti alla figlia, poi si suicida lanciandosi dalla finestra

Quando la moglie si è addormentata abbracciata alla figlia di 6 anni che era con loro a letto, ha impugnato delle forbici tentando di ucciderla.

Covid, effetto Green pass: inizia la corsa ai vaccini, boom di prenotazioni

Il governo estende l’uso del Green pass mentre il premier Mario Draghi lancia un appello sulla necessità di vaccinarsi. In poche ore è boom di prenotazioni nelle regioni.

Un nuovo lockdown a ottobre sarebbe “una catastrofe“, ma il green pass alla francese rischia di essere l’ennesimo “provvedimento punitivo” che colpisce “i soliti settori”. A dirlo è Gianluca Manenti, presidente di Confcommercio Sicilia, intervenendo nel dibattito innescato anche in Italia dalla stretta annunciata in Francia dal presidente Macron. Il lasciapassare per accedere a bar, ristoranti e centri commerciali potrebbe essere il colpo di grazia dato a un’economia già in ginocchio. “Da noi potrebbe creare eccessivi problemi a una economia già ridotta allo stremo”, sottolinea il numero uno di Confcommercio Sicilia, per il quale invece “la campagna vaccinale va sostenuta, incoraggiata e, di certo, velocizzata”. 

“E’ la nostra migliore arma per un ritorno alla stabilità delle nostre vite – ragiona Manenti –. Quello che non è accettabile è che, per raggiungere l’immunità di gregge, si finisca per penalizzare sempre le solite categorie”. La tesi è chiara. “I pubblici esercizi hanno pagato più di ogni altro settore in sedici mesi di pandemia, sia in termini di perdita di fatturati che in termini di posti di lavoro – ricorda -. Andare ancora una volta a pesare sulle nostre attività significa compromettere, in maniera seria, la ripartenza“. Ecco perché, avverte il presidente di Confcommercio, “se proprio si volesse percorrere questa strada, allora il vincolo del vaccino dovrebbe valere per ogni tipo di attività. Altrimenti è discriminatorio. Se, invece, l’obiettivo è sensibilizzare tutti sull’importanza delle vaccinazioni, allora facciamolo insieme”. 

Confcommercio Sicilia è disponibile a collaborare per una “campagna di comunicazione capillare”. Ma “basta provvedimenti punitivi sempre contro i soliti settori”, dice ancora Manenti, che non nasconde la preoccupazione davanti all’ipotesi di nuovo lockdown in autunno nel caso in cui i contagi tornassero a livelli allarmanti. “Sarebbe una catastrofe, con un costo economico e sociale davvero insostenibile da parte di una Regione che ha chiuso l’anno 2020 con un calo del Pil pari al 12 per cento. Ma che potrebbe anche peggiorare nell’ipotesi di uno scenario epidemiologico avverso con la reintroduzione di misure precauzionali, sia pure meno drastiche di quelle della scorsa stagione. Non possiamo permettercelo”.

Cosa bisogna fare allora? “Serve un impegno da parte di tutti per scongiurare questo rischio, ma soprattutto servono dialogo e collaborazione stretta perché ci vogliono regole, protocolli e controlli il più possibile efficaci ed equilibrati per tenere insieme salute pubblica e ripresa economica”, conclude Manenti.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Tragedia a Panarea, giovane sub di 16 anni muore durante l’immersione

Tragedia a Panarea, nelle Eolie, dove un ragazzo di 16 anni ha perso la vita durante un'immersione. Ancora non del tutto chiarite le cause del decesso ma si pensa ad un malore.

Covid in Sicilia, nessuna vittima e 568 nuovi contagi in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 25 luglio.

Focolaio Covid a Stromboli: 14 positivi, panico tra turisti e residenti

Principio di focolaio Covid a Stromboli, nelle isole Eolie. I positivi sono adesso 14, isolani e vacanzieri chiedono di effettuare il tampone.

Addio al Baretto di Mondello, Anello: “Non deve chiudere, dal Comune una soluzione”

Lo dice Alessandro Anello, consigliere comunale della Lega a Palazzo delle Aquile e vice presidente della commissione attività produttive.

Palermo, l’aggressione ai turisti gay: ci sono tre indiziati, due minorenni

I due turisti torinesi erano stati aggrediti perché camminavano mano nella mano nel centro storico di Palermo.