12.9 C
Palermo
domenica 17 ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento alle 22:04

Trattativa Stato-Mafia: assolti Mori, Dell’Utri, Subranni e De Donno

DaLeggere

Ita Airways, gli stilisti bocciano gli aerei azzurri: “Fa un po’ principe delle fiabe”

Il nuovo look azzurro degli aerei della nuova compagnia aerea Ita Airways non convince. “I colori sono colori e gli aerei sono aerei” dice la stilista milanese Lella Curiel.

Reddito cittadinanza sì o no? Braccio di ferro in Consiglio dei ministri

Braccio di ferro in Consiglio dei ministri sul reddito di cittadinanza. I ministri Giancarlo Giorgetti (Lega), Renato Brunetta (Forza Italia) e Elena Bonetti (Italia Viva), avrebbero chiesto di modificare profondamente il testo.

Bonus prima casa 2021 under 36: requisiti, istruzioni, Isee

Bonus prima casa under 36, che consente a chi possiede i requisiti di comprare un’abitazione con l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale.

Covid in Italia, 2668 contagi e 40 morti: il bollettino del 14 ottobre

Sono 2.668 i contagi da Coronavirus in Italia oggi, 14 ottobre 2021, secondo i dati regione per regione del bollettino Covid di Protezione Civile e ministero della Salute.

Tutti assolti gli ex ufficiali dei carabinieri nel processo d’appello sulla trattativa tra Stato e mafia. La Corte d’assise d’appello di Palermo ha riformato la sentenza di primo grado e assolto i generali Mario Mori e Antonio Subranni e il colonnello Giuseppe De Donno. Erano stati condannati a 12 anni. Assolto anche Marcello Dell’Utri, condannato anche lui a 12 anni di carcere. La sentenza è stata emessa dopo tre giorni di camera di consiglio. Dichiarate prescritte le accuse al pentito Giovanni Brusca. Pena ridotta al boss Leoluca Bagarella. Confermata la condanna del capomafia Nino Cinà. Il processo si è basato finora sulla presunta interlocuzione tra gli apparati dello Stato e Cosa nostra in una sorta di intreccio volto ad arrivare a un accordo per porre la parola fine alla tensione stragista iniziata dalla mafia con le stragi di inizio anni Novanta.

La Procura generale di Palermo, al termine della requisitoria, aveva chiesto alla Corte d’Assise d’appello di confermare le condanne inflitte in primo grado a boss, ex carabinieri e politici imputati di minaccia a Corpo politico dello Stato. In primo grado il boss Leoluca Bagarella fu condannato a 28 anni di carcere, gli ex ufficiali del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, l’ex senatore di Fi Marcello Dell’Utri e l’ex medico fedelissimo di Totò Riina, Antonino Cinà furono condannati a 12 anni. Otto anni la pena inflitta all’ex capitano del Ros Giuseppe De Donno. Anche Massimo Ciancimino era stato condannato a 8 anni per calunnia e concorso esterno ma poi, nel secondo grado, la sua posizione è stata stralciata perché il reato è andato prescritto. La sentenza dovrebbe essere emessa nei prossimi giorni, forse mercoledì o giovedì.

La Corte, in primo grado, aveva dichiarato il “non doversi procedere” nei confronti del collaboratore di giustizia Giovanni Brusca per intervenuta prescrizione visto il riconoscimento delle attenuanti previste per i collaboratori di giustizia.

LA SENTENZA. “In parziale riforma della sentenza emessa dalla Corte di assise di Palermo in data 20 aprile 2018  assolve De Donno Giuseppe, Mori Mario e Subranni Antonio dalla residua imputazione a loro ascritta per il reato di cui al capo A, perché il fatto non costituisce reato”. Inizia così il dispositivo della sentenza del processo di Appello sulla trattativa Stato-mafia. “Dichiara – si legge ancora – non doversi procedere nei riguardi di Bagarella Leoluca Biagio, per il reato di cui al capo A, limitatamente alle condotte commesse in pregiudizio del governo presieduto da Silvio Berlusconi, previa riqualificazione del fatto… come tentata minaccia pluriaggravata a corpo politico dello stato, per essere il reato cosi’ riqualificato estinto per intervenuta prescrizione. E per l’effetto ridetermina la pena nei riguardi di Bagarella in anni 27 di reclusione”.

“Assolve Dell’Utri Marcello dalla residua imputazione per il reato di cui al capo A, come sopra riqualificato, per non avere commesso il fatto e dichiara cessata l’efficacia della misura cautelare del divieto di espatrio già applicata nei suoi riguardi”. La Corte ha revocato le statuizioni civili nei riguardi degli imputati De Donno, Mori, SubranniDell’Utri e rideterminato in 5 milioni di euro l’importo complessivo del risarcimento dovuto alla Presidenza del Consiglio dei ministri. La Corte d’Assise “conferma nel resto l’impugnata sentenza anche nei confronti di Giovanni Brusca e condanna gli imputati Bagarella e Cinà alla rifusione delle ulteriori spese processuali in favore delle parti civili (Presidenza del Consiglio dei ministri, presidenza della Regione Siciliana, Comune di Palermo, associazione tra familiari contro le mafie, centro Pio La Torre)”. La Corte ha fissato in 90 giorni il termine per il deposito delle motivazioni”.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Ordigno bellico trovato a Ragusa, artificieri da Palermo per il disinnesco

L'area è stata isolata e messa in sicurezza sin dal momento della segnalazione su disposizione della Prefettura che ha avviato le previste procedure per l’attivazione dei vari interventi

Il cadavere di una 37enne trovato nel Catanese, il fratello confessa il delitto

A Nicolosi, nel Catanese, è stato trovato il corpo di Lucrezia Di Prima, 37enne scomparsa da ieri.

Covid in Sicilia, 266 nuovi positivi e 2 morti: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 ottobre.

Maltempo, allerta gialla a Palermo: temporali in arrivo

La Protezione Civile Regionale ha diffuso un avviso per rischio meteo-idrogeologico e idraulico, valido dalle 16 di oggi, alle 24 di domani, 17 ottobre 2021.

Palermo, dopo la pioggia i danni: un “cratere” in strada a Pizzo Sella

In via del Semaforo, esattamente tra Pizzo Sella e Monte Gallo, si è formato dopo le piogge dei giorni scorsi un "cratere" di mezzo metro nel quale le macchine rischiano di restare impantanate.