7.3 C
Palermo
lunedì 17 gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento alle 23:36

Obbligo mascherina all’aperto, Boccia: “Inevitabile prima di Natale”

DaLeggere

Covid in Italia, 149.512 contagi e 248 morti: il bollettino del 16 gennaio

Sono 149.512 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, domenica 16 gennaio 2022, secondo i dati e i numeri Covid – regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute.

Efficacia vaccino Covid, terza dose e Terapia Intensiva: i nuovi dati

“L’efficacia del vaccino (riduzione del rischio rispetto ai non vaccinati) nel prevenire la diagnosi di infezione Sars-CoV-2 – dettaglia l’Iss – è pari a 71% entro 90 giorni dal completamento del ciclo vaccinale".

Peste suina, in Italia cinque nuovi casi

Salgono a otto i casi di Peste Suina Africana in Piemonte e Liguria, riscontrati in un’area di poche decine di chilometri dell’appennino ligure, al confine tra le province di Alessandria e Genova.

Australian Open, Djokovic lascia il Paese: al suo posto giocherà l’azzurro Caruso

Con l’annullamento del visto di Novak Djokovic che non potrà prendere parte agli Australian Open, l’Atp ha deciso che il suo posto sarà preso da Salvatore Caruso.

“Tornano le varianti, tornano le prime zone gialle come in Friuli Venezia Giulia; così com’era prevedibile, l’emergenza Covid-19 non è finita. Oggi grazie ai vaccini possiamo convivere meglio, quindi proteggiamoci, vacciniamoci tutti e teniamo soprattutto le mascherine. Sono le uniche armi contro il Covid e le numerose varianti. L’obbligo delle mascherine all’aperto diventa inevitabile e necessario nel mese di dicembre, soprattutto nelle strade affollate per le attività commerciali pre-natalizie”. Così Francesco Boccia, deputato Pd e responsabile Regioni e Enti locali della segreteria nazionale, al termine dell’iniziativa organizzata dall’UCI, insieme a Enzo Maraio, segretario PSI, Arturo Scotto di Articolo Uno, Angelo Bonelli dei Verdi e Francesca Flati, deputata del M5S.

“Proteggere tutti in pieno inverno, anche all’aperto dove c’è tanta gente – avverte – è necessario e vanno evitate ordinanze differenziate tra le diverse città. I sindaci che si sono mossi preventivamente lo fanno per opportuna prudenza e non hanno altre armi; e se lo fanno è perché provano a difendere la salute di tutti e le stesse attività commerciali. Sarebbe meglio a questo punto un intervento unitario in vista del Natale, di governo, Regioni e Comuni con un confronto in Conferenza unificata. Tutto questo diventa a maggior ragione necessario fino a quando resterà in circolazione una quota consistente di non vaccinati”. 

 

 


LEGGI ANCHE:

Variante sudafricana Omicron, Gismondo: “Allarmismo da incoscienti”

Variante sudafricana, sintomi e mutazioni: ecco l’identikit di “Omicron”

Variante sudafricana, in Europa c’è già il primo caso: è una donna

Covid, nuova variante in Botswana e Sudafrica: è allarme

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Covid, 8.500 nuovi positivi e 37 le vittime in Sicilia: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 gennaio.

Covid, ansia dei contagi a Palermo: centinaia di auto all’hub della Fiera

Cresce l'ansia dei contagi Covid a Palermo e con questa anche le lunghe file di auto incolonnate lungo il perimetro dell'hub della Fiera del mediterraneo per sottoporsi ai tamponi.

È palermitana la capomissione della Mare Jonio: tra le più giovani in Europa

Si chiama Sheila Melosu ed è tra le più giovani a ricoprire questo ruolo in Europa.

Riforma Consorzi di bonifica, disco verde in commissione all’Ars

"Ottimo risultato raggiunto in terza commissione Attività produttive. Approvato e trasmesso per esame dell’aula il disegno di legge di riforma dei Consorzi di bonifica".

Caso Montante, chiesta riduzione di pena. Pg: “Antimafia di facciata”

La sentenza è prevista per la tarda primavera.