22.6 C
Palermo
lunedì 23 maggio 2022 - Ultimo aggiornamento alle 13:36

Covid e scuola, tra gli alunni contagi al 5%: in Sicilia si torna in aula

DaLeggere

Ciclismo, Ciccone vince la 15esima tappa del Giro d’Italia

Giulio Ciccone (Trek Segafredo) ha vinto in solitaria dopo una fuga vincente la 15esima tappa del Giro d’Italia 2022, da Rivarolo a Cogne, di 177 chilometri.

Pnrr, Salvini contro l’Ue: “Stop ai richiami, sappiamo governarci da soli”

Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, a margine di un incontro della scuola politica del partito a Milano, sulla lettera che la Commissione europea invierà al governo italiano con richiami sul fisco e sulla concorrenza.  

Ucraina, Zelensky: “Situazione in Donbass estremamente difficile”

La situazione nel Donbass è estremamente difficile”, poiché la Russia ha intensificato gli attacchi a Sloviansk e Severodonetsk negli ultimi giorni.

Covid in Corea del Nord, prime ammissioni: 220.000 nuovi contagi da “febbre”

La Corea del Nord segnala circa 220.000 nuovi contagi di persone con “febbre” dopo aver ammesso per la prima volta dall’inizio della pandemia di Coronavirus la presenza di un focolaio di Covid.

Dopo il complicato riavvio dell’anno scolastico il 13 gennaio, gli alunni assenti per positività da Covid-19, non superano il 5%: questo emerge dal monitoraggio effettuato dall’Ufficio scolastico regionale che comunica di avere censito 706 istituzioni scolastiche, pari all’86% del totale. Anche alla luce di questi dati il governo Musumeci, pur comprendendo le preoccupazioni che hanno inaspettatamente ispirato, la restrittiva condotta dei sindaci (alcuni hanno emanato ordinanze per sospendere le lezioni, ndr), conferma la ripresa delle attività in presenza, nel rispetto delle intervenute disposizioni nazionali e dell’ordinanza del Presidente della Regione dello scorso 7 gennaio.

 


Scuola, il Tar sospende le chiusure: a Palermo e Agrigento si torna in aula

 


“Dopo il comprensibile differimento dell’avvio post-natalizio delle lezioni in presenza – afferma l’assessore Roberto Lagalladovuto all’esigenza, rappresentata dai dirigenti scolastici, di ottimizzare gli aspetti organizzativi, alla luce delle nuove disposizioni nazionali, il governo della Regione ha ritenuto di dare doverosa e necessaria attuazione alla ripresa delle attività didattiche, con l’obiettivo di privilegiare le lezioni in presenza e di riservare alla Dad una funzione complementare, da adottare in definite situazioni di effettiva e documentata necessità. La finalità è quella di ridurre le diseguaglianze e migliorare gli standard formativi per evitare marginalizzazione sociale e ritardi di apprendimento”.

Posizione condivisa anche dall’Usr. “Si provvede, contestualmente – aggiunge Lagallaa tutelare la salute degli studenti e a rassicurare le famiglie, anche attraverso una diffusa azione di potenziamento, sia nelle scuole che sul territorio, dell’immunizzazione vaccinale e del monitoraggio sanitario della popolazione scolastica. È particolarmente vivo in ciascuno di noi il senso di profonda responsabilità a contemporanea garanzia della salute e del diritto allo studio, ma anche la consapevolezza che le scelte, al momento adottate, sono compatibili con l’emergenza in corso e con il rispetto di vincolanti previsioni normative”.

E continua: “I sindaci hanno ben ragione a intervenire conformemente alla legge in caso di documentato e straordinario pericolo, e ciò è ampiamente garantito dalle disposizioni nazionali e regionali. Ma evidentemente non ricorre, al momento, un così evidente pericolo. Assistiamo infatti, in questi giorni, a segnalazioni dei Prefetti e provvedimenti della magistratura amministrativa che, in alcuni casi, hanno sollevato evidenti dubbi sulla legittimità dei provvedimenti adottati in sede locale, forse talvolta viziati da eccesso di zelo e malcelata ansia di protagonismo”.


Covid, a Palermo scuole chiuse fino al 16 gennaio: l’ordinanza di Orlando


Dai dati dell’Usr emerge che su 391 Comuni della Sicilia 161 hanno emanato ordinanze sindacali di sospensione delle attività didattiche, mentre i restanti hanno regolarmente avviato le attività didattiche in presenza. Tra le 548 scuole ricadenti nei comuni in cui sono stati adottati provvedimenti di chiusura, 513 (434.237 studenti) hanno attivato la didattica a distanza, mentre 35 (28.912 alunni) non hanno svolto lezioni.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Covid in Sicilia, contagi e ricoveri in calo: il report dell’ultima settimana

L’ufficio Statistica del Comune di Palermo ha comunicato i dati sul Covid in Sicilia diffusi ieri.

Mattarella ricorda Falcone: “Niente pause né distrazioni contro la mafia”

“Nel 1992 Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono colpiti perché, con la loro professionalità e determinazione, avevano inferto colpi durissimi alla mafia”.

VIDEO | Mafia, lui all’ergastolo: “Moglie e figli impongono il pizzo”. Arresti a Catania

Lui all'ergastolo per omicidio, loro sono finiti in manette oggi: sono moglie e due figli di un uomo del clan mafioso Santapaola.

Covid, 1462 nuovi contagi e 8 morti in Sicilia: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 22 maggio.

Anniversario strage di Capaci, come cambia la viabilità domani a Palermo

In occasione della ricorrenza del XXXº Anniversario della strage di Capaci, lunedì 23 maggio, la viabilità a Palermo subirà delle variazioni, ecco quali.