32.2 C
Palermo

Festa di Liberazione, il valore morale della Resistenza nella Costituzione | EDITORIALE

DaLeggere

Banca Etruria, Boschi: “Mio padre assolto e innocente, oggi ho pianto”

“Oggi ho pianto”. Così Maria Elena Boschi su Facebook dopo la sentenza di assoluzione per tutti i 14 imputati nel processo sulle consulenze d’oro di Banca Etruria.

Camorra, morto il figlio del boss Di Lauro: ispirò il personaggio di Genny Savastano

È morto Cosimo Di Lauro, ex boss dell’omonimo clan camorristico. Di Lauro aveva 48 anni ed era detenuto al 41 bis nel carcere di Milano Opera.

Mostro di Firenze, spunta dal passato una calibro 22: nuova pista in Maremma

Spunta dal passato una Beretta calibro 22 custodita in un casolare della Maremma, per questo sempre sfuggita ai controlli.

Caldo in aumento e qualche temporale, poi ondata rovente: il meteo

Avvio di settimana tra caldo in aumento e qualche temporale. La settimana appena iniziata, spiega iLMeteo.it , “sarà caratterizzata da un avvio caldo, ma anche da locali temporali".

“Noi non possiamo essere imparziali. Possiamo essere soltanto intellettualmente onesti: cioè renderci conto delle nostre passioni, tenerci in guardia contro di esse e mettere in guardia i nostri lettori contro i pericoli della nostra parzialità. L’imparzialità è un sogno, la probità è un dovere”. Parole di Gaetano Salvemini nella prefazione di “Mussolini diplomatico”. Sono trascorsi 77 anni dal 25 aprile del 1945, ancor più tempo da questa frase. Profonda, potente. Disarmante, pensando soprattutto che a scriverla è stato chi l’epoca buia della dittatura fascista l’ha vissuta. Oggi in Italia è la Festa della Liberazione, celebriamo la cacciata del nemico straniero dal Paese.


Echi della Resistenza, Salvatore Pantaleone: il partigiano “Orione”, una storia palermitana | di Davide Maniscalco


Una memoria, quest’anno, legata a doppio filo con quanto sta accadendo in Ucraina. Il 24 febbraio scorso, con la dichiarazione di guerra da parte della Russia, è iniziato uno dei capitoli più oscuri della storia contemporanea dalla Seconda Guerra mondiale. Una catastrofe fino a poco tempo fa impensabile in cui, oggi come ieri, si manifesta la ferocia dei totalitarismi e la capacità di plasmare intere generazioni manipolando l’informazione, spesso senza filtri, attraverso l’uso spregiudicato dei social network e di software video in grado di rendere il fact-checking un’impresa a volte impossibile. Un macabro copione, quindi, che si ripete con strumenti rinnovati ma che si articola sulla stessa falsa riga di sempre confermando le parole di Primo Levi:Tutto questo è accaduto, dunque può ancora accadere”. Celebrare la Resistenza in Italia quest’anno significa anche avere il coraggio di ammettere a noi stessi che per quanto sembri uno scenario lunare, lo scempio che si consuma in Ucraina è un rischio attuale che si può verificare ovunque. La memoria condivisa è l’arma più potente, “resistere” significa avere coscienza di sé ed un’attitudine mentale da tramandare.

Come l’anno scorso, siamo ancora impegnati a combattere contro un altro invasore che ha preso possesso delle nostre vite, il Covid ha rubato abitudini, entusiasmi, progetti. Un virus dilagante al pari del revisionismo storico che alberga, purtroppo pare sentendosi molto a proprio agio, nel nostro Paese. Non che il 25 aprile non debba essere sentito prima di tutto come un giorno di festa nazionale e consacrazione di libertà individuale che dal confine dell’altrui diritto non è limitata ma da questo confermata, per cui infinita. Ma è anche un giorno legato a doppio filo ai rigurgiti neofascisti che attraversano il Paese.

25 aprileOccorre chiedersi come affrontare il tema dell’universalità dei diritti, del riconoscimento dell’esistenza in natura di un debito nei confronti della società per il semplice fatto di essere vivi e spendere la propria esistenza in un consesso in cui, per lo stesso motivo, l’oppressione è impensabile. Non si possono non constatare le basi friabili, ma diffuse, su cui poggiano convinzioni tristemente contemporanee influenzate dall’effetto devastante di una propaganda mediatica ante litteram in grado ancora oggi di convincere, e fare proseliti, che le conquiste dell’Italia agricola non furono il risultato delle scelte di protagonisti che, invece, se ne attribuirono i meriti. Proliferano ancora oggi leggende sugli istituti di previdenza, sulle bonifiche, sulle riforme nel mercato del lavoro e i salari. Vai a scardinare la convinzione che tutto questo apparterrebbe al Ventennio. Idee così sedimentate che, neppure di fronte a un’evidenza di testimonianze e verifiche, sembra si possano mettere in discussione.

Per non parlare dei tentativi perniciosi di legittimazione politica. Come si può ancora oggi ritenere, a spregio di qualunque fondamento di diritto internazionale, che Salò fu una repubblica. Priva di qualunque potere di coercizione, di una costituzione, di riconoscimento internazionale, di tutte le caratteristiche che confermano la legittimità e l’esistenza di uno Stato sovrano. Un mero governo de facto, ma in Italia, a differenza che in altri Paesi, si discute ancora sulla validità di quella presunta micro-nazione la cui esistenza legittimerebbe fatti e misfatti. Negli anni Novanta, con il noto saggio di Claudio Pavone (“Una guerra civile, saggio storico sulla moralità nella Resistenza”), il dibattito mise bruscamente in discussione la lettura unanimistica della liberazione dal fascismo a livello storiografico.

Non che si fosse mai sopito, ma il libro di Pavone ridiede linfa vitale a un tema scabroso. Un testo che dapprincipio fece storcere il naso alle varie Anpi e ai reduci della Guerra di Liberazione. Un altro motivo per rinfocolare la contrapposizione dialettica intorno al rinnovato interrogativo: Resistenza o guerra civile? Un’opera che in realtà fece soltanto del bene alla causa dei partigiani italiani. Da lì in poi, infatti, l’argomento fu trattato finalmente in termini scientifici, si definirono, e furono riconosciute dalla storiografia, categorie e confini entro i quali far ricadere il concetto di “guerra civile”. Paradigmi e perimetri verso cui la Lotta di Liberazione italiana si colloca al di fuori.

Negli anni si è cercato di derubricare tutto a uno spargimento di sangue tra fratres invece che tra cives (in piena contraddizione quindi con la definizione finale di guerra civile) in cui il “nemico principale” non era il tedesco invasore. Tentativi scellerati che hanno avuto un seguito in Italia ma non in Paesi come la Francia dove è stata perfino coniata l’espressione “guerres franco-francaise” per ricomporre in nuce ogni tentativo di frattura nella nazione.  Forse i vani tentativi di rilettura della storia italiana si potrebbero attribuire alla caratteristica intrinseca della guerra civile come conflitto raccapricciante e distante, in chiave politica, dal concetto di “rivoluzione”. Mettendosi così al riparo da eventuali repliche sulla presa del potere “legittimata” da Vittorio Emanuele III, da cui discende la slavina di distinzioni, definizioni e contrapposizioni.

La Festa di Liberazione va intesa soprattutto come una ricorrenza che unisce, ma in una terra in cui la dialettica politica traligna ancora nella contrapposizione tra fascisti e comunisti, spostando poi il confronto tra la destra in Italia e la sinistra nel mondo, come se le dittature avessero qualcosa a che fare con l’ideologia pura, non si deve temere di inerpicarsi tra le “sfumature” più dure del ragionamento. Violentare ancora oggi l’interpretazione dell’articolo 21 della Costituzione in virtù di un ipotetico deficit di democrazia nel nostro Paese equivale a sordida malafede. In ogni parte del globo terracqueo ci sia stata una dittatura, è stata poi vietata la riorganizzazione e l’apologia dei partiti sotto cui si sono affermati regimi autoritari o totalitari.

All’obiettivo di appagare la brama di una cupio dissolvi della memoria storica dell’Italia con la proposta di abolire la Festa del 25 aprile, a cui ogni anno si prestano intellettuali e direttori di agenzie di stampa e giornali, in nome di una presunta pacificazione nazionale, si deve rispondere con celebrazioni sempre più animate da spirito di unità nazionale ma con il coraggio della memoria. In questo, continua a essere fondamentale il ruolo dell’Anpi che tempo fa ha aperto i tesseramenti anche a giovani e a meno giovani dando loro la possibilità di formarsi e garantire così continuità al diffondersi della memoria e dei principi morali della Resistenza contenuti nella Costituzione. Dogmi che i padri fondatori hanno voluto “rigidi” e da cui ripartire con sentimenti unitari al di là di qualsiasi appartenenza. In nome della libertà.

 

 


LEGGI ANCHE:

Carpi, consigliere M5S: “Giusto non revocare cittadinanza a Mussolini, fece del bene”

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Al via la settima edizione di Lampedus’Amore: ecco quando

L’edizione numero sette di Lampedus’amore è ufficialmente partita. E’ stata presentata infatti oggi, nella Sala Onu del Teatro Massimo, la manifestazione legata al Premio giornalistico internazionale intitolato a Cristiana Matano.

Grande attesa per “La Partita della Vita” a Palermo: ecco il programma

Tutto pronto allo Stadio Renzo Barbera di Palermo dove domani con inizio alle 19 andrà in scena La Partita della Vita, il triangolare di calcio organizzato per sostenere i diritti delle persone con lesioni al midollo spinale.

Omicidio Elena Del Pozzo, il legale della madre: “Era come annebbiata”

“La signora ha detto di avere ucciso la figlia sul luogo del ritrovamento e l’arma utilizzata sembrerebbe sia stato un coltello".

Covid, 2734 nuovi contagi e 19 morti in Sicilia: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 15 giugno.