32.2 C
Palermo

“Colluso con la mafia”, confisca da 150 milioni di euro al re dei supermercati a Palermo | VIDEO

DaLeggere

Banca Etruria, Boschi: “Mio padre assolto e innocente, oggi ho pianto”

“Oggi ho pianto”. Così Maria Elena Boschi su Facebook dopo la sentenza di assoluzione per tutti i 14 imputati nel processo sulle consulenze d’oro di Banca Etruria.

Camorra, morto il figlio del boss Di Lauro: ispirò il personaggio di Genny Savastano

È morto Cosimo Di Lauro, ex boss dell’omonimo clan camorristico. Di Lauro aveva 48 anni ed era detenuto al 41 bis nel carcere di Milano Opera.

Mostro di Firenze, spunta dal passato una calibro 22: nuova pista in Maremma

Spunta dal passato una Beretta calibro 22 custodita in un casolare della Maremma, per questo sempre sfuggita ai controlli.

Caldo in aumento e qualche temporale, poi ondata rovente: il meteo

Avvio di settimana tra caldo in aumento e qualche temporale. La settimana appena iniziata, spiega iLMeteo.it , “sarà caratterizzata da un avvio caldo, ma anche da locali temporali".

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

La guardia di finanza di Palermo ha confiscato beni per circa 150 milioni di euro all’imprenditore Carmelo Lucchese, 56 anni, attivo nel settore della grande distribuzione alimentare. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Dda. Oggetto della confisca di primo grado sono, tra le altre cose, le quote societarie e il compendio aziendale della Gamac Group srl, che all’epoca del sequestro  nel febbraio 2021, gestiva 13 supermercati tra Palermo e provincia (Bagheria, Carini, Bolognetta, San Cipirello e Termini Imerese).

Le attività commerciali, nel frattempo, sono state affidate a terzi da parte dell’amministratore giudiziario. Oggetto della confisca è il ricavato della vendita. “Sulla base degli accertamenti svolti dal nucleo di Polizia economico finanziaria – spiegano i militari – il giudice – valorizzando l’analisi e il riscontro di puntuali dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia e la rilettura orientata in chiave economico finanziaria degli esiti di diversi procedimenti penali – ha ritenuto che l’imprenditore, ‘seppure non organicamente inserito nell’organizzazione criminale, sia da ritenersi ‘colluso'”.

Secondo le indagini, Lucchese avrebbe operato almeno dal 2004 “sotto l’ala protettiva di Cosa Nostra, in particolare della famiglia di Bagheria“. Secondo i finanzieri, questo stato di cose avrebbe scoraggiato la concorrenza permettendo a Lucchese di acquisire imprese concorrenti, risolvere le problematiche sorte nella gestione delle sue attività (comprese quelle relative ai rapporti di lavoro con i dipendenti), dirimere controversie con i propri soci, ottenendo la possibilità di rilevare l’impresa contesa e beneficiando di una dilazione dei pagamenti e di evitare il pagamento del pizzo nella zona di Bagheria e, grazie alla mediazione della locale famiglia mafiosa, contrattare la messa a posto con i clan palermitani.

 

 

 

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Al via la settima edizione di Lampedus’Amore: ecco quando

L’edizione numero sette di Lampedus’amore è ufficialmente partita. E’ stata presentata infatti oggi, nella Sala Onu del Teatro Massimo, la manifestazione legata al Premio giornalistico internazionale intitolato a Cristiana Matano.

Grande attesa per “La Partita della Vita” a Palermo: ecco il programma

Tutto pronto allo Stadio Renzo Barbera di Palermo dove domani con inizio alle 19 andrà in scena La Partita della Vita, il triangolare di calcio organizzato per sostenere i diritti delle persone con lesioni al midollo spinale.

Omicidio Elena Del Pozzo, il legale della madre: “Era come annebbiata”

“La signora ha detto di avere ucciso la figlia sul luogo del ritrovamento e l’arma utilizzata sembrerebbe sia stato un coltello".

Covid, 2734 nuovi contagi e 19 morti in Sicilia: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 15 giugno.