21.9 C
Palermo

“Meta experience”, a Palermo spazio tra arte e dimensione parallela

DaLeggere

È morto Antonio Inoki, la leggenda del wrestling aveva 79 anni

È morto Antonio Inoki, leggenda del wrestling. L’atleta giapponese aveva 79 anni. Secondo l’emittente nipponica NHK, Inoki è deceduto per un problema cardiaco.

Congresso Pd, la linea di Letta: dal nome al simbolo, tutto in discussione

Un congresso in 4 fasi. Aperto a tutti. Non solo agli iscritti Pd. Ma a tutti coloro che si iscriveranno per partecipare al percorso congressuale, modello Agorà democratiche.

Di Maio sparisce da Facebook, la pagina ufficiale non c’è più

Mistero sulla pagina Facebook di Luigi Di Maio, sparita da ieri dalla Rete. Con i suoi 2,5 milioni di follower, il ministro sembra aver silenziato Fb.

Bollette luce e gas, allarme per i condomini: rischio interruzione forniture

Altro che riduzione della temperatura, molti condomini rischiano l’interruzione totale della fornitura di luce e gas. Lo denuncia oggi Consumerismo No profit.

Il futuro è arrivato. Mentre parliamo ha già sconfinato i limiti della realtà, in quel “metaverso” di cui tanto si parla anche se ancora sconosciuto ai più. A Palazzo Reale di Palermo il futuro è ormai tangibile per valorizzare e rivivere l’arte e la storia grazie a μετα [Palazzo Reale > Meta Experience], un nuovo spazio esperienziale che proietta il visitatore in una dimensione parallela, nella quale tecnologia e innovazione restano totalmente al servizio dell’arte per una più approfondita fruizione e salvaguardia del patrimonio artistico e culturale nel tempo.

Si tratta di un ulteriore step progettuale nella gestione culturale di Palazzo Reale da parte della Fondazione Federico II che nell’ultimo quinquennio ha completamente rivoluzionato l’esperienza del visitatore con l’apertura al pubblico di nuovi spazi, l’ideazione di mostre inedite coi grandi artisti della scena mondiale e un nuovo bookshop dal sapore internazionale. Grazie a “μετα” è possibile consegnare i capolavori dell’arte all’infinito, immuni al tempo, alle mutazioni climatiche, a guerre, terremoti, alluvioni, rendendoli fruibili ovunque l’uomo potrà insediarsi nel futuro.

Protetti dalla memoria. Un tempo esistevano gli schizzi a mano libera, poi le prime fotografie e lo smartphone: tutti mezzi per fissare nella memoria l’immagine dell’opera d’arte. Oggi un nuovo sistema si affida alla tecnologia e all’innovazione per rendere i capolavori invincibili. Entrando nella dimensione di “μετα” i visitatori del “Complesso Monumentale Palazzo Reale e Cappella Palatina” possono rendersi conto in prima persona come l’innovazione applicata ai beni culturali non sia un concetto astratto ed estraneo ma è praticabile e consente in questo caso di entrare in simbiosi con le opere d’arte come mai successo prima.

Il visitatore assiste al processo di smaterializzazione e materializzazione dei grandi capolavori d’arte dinanzi all’originale, scopre come avviene la creazione dell’identità dell’opera (con la visione della nuvola di punti), sarà immerso nell’“Infinity room”. Può, inoltre, portare a casa il risultato di quel processo, ovvero le opere d’arte in materiali eco-sostenibili. Due esempi eccezionali attendono il visitatore: il Giovinetto di Mozia in una “veste” pop, ecosostenibile, imponente, che introduce alla straordinaria riproduzione del Satiro Danzante di Mazara del Vallo, sospeso come a librarsi in volo.

Sarà possibile osservarlo nei suoi minimi particolari, una scoperta per chi non lo ha mai visto dal vivo, una riscoperta per chi lo ricorda e uno stimolo a visitare l’originale. E a far da introduzione, un testimone importante: il ritratto marmoreo originale di Ottaviano Augusto, il ritratto più fedele mai rinvenuto in Sicilia del primo imperatore, che dopo 83 anni dal ritrovamento è rientrato nella sua Centuripe dopo essere stato custodito a lungo al Museo Paolo Orsi di Siracusa. L’opera è stata eccezionalmente prestata dal Museo Regionale di Centuripe (Parco Archeologico e Paesaggistico di Catania e della Valle dell’Aci), grazie alla partnership con l’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.

Sarà solo la prima di una lunga serie di opere d’arte che giungeranno dai musei di tutta la Sicilia e da collezioni private e pubbliche, alternandosi come “padroni di casa” nella μετα Experience. Le collaborazioni, infatti, saranno estese di volta in volta a istituzioni museali, gallerie d’arte e anche collezionisti regionali e nazionali, che vorranno esporre le opere all’interno di spazio μετα a Palazzo Reale, dove ogni anno transitano quasi un milione di visitatori. Il progetto, co-finanziato da Invitalia e dal Ministero della Cultura nell’ambito di Cultura Crea, nasce dalla partnership tra la Fondazione Federico II e Forma Rei onlus per lo sviluppo dell’innovazione tecnologica in ambito culturale.

 

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Mafia, sparatoria in strada a Catania: carcere per 4 membri del clan Cappello

Lo scontro a fuoco costò la vita a due persone. Numerosi i feriti.

Tragedia sfiorata sulla Palermo-Sciacca, autobus si ribalta e finisce fuori strada

Probabili cause dell'incidente: allagamento stradale, fanghiglia, pietre e tronchi sull’asfalto.

Covid, vaccini varianti Omicron agli over 12: via alle prenotazioni in Sicilia

Partono da oggi in Sicilia le prenotazioni per le seconde dosi booster con i nuovi vaccini bivalenti.

Presunte tangenti, revoca dei domiciliari per l’ex assessore Mirabella

Revocati i domiciliari per Barbara Mirabella, l'ex assessore del Comune di Catania arrestata lo scorso 22 settembre con l'accusa di corruzione.

Caos schede, ancora incerti i dati di 48 sezioni: slitta l’insediamento di Schifani

Il neo presidente della Regione Siciliana Renato Schifani sta lavorando alla formazione del suo governo.