21.9 C
Palermo

VIDEO | Rapina con sequestro a Palermo, due arresti: i nomi

DaLeggere

È morto Antonio Inoki, la leggenda del wrestling aveva 79 anni

È morto Antonio Inoki, leggenda del wrestling. L’atleta giapponese aveva 79 anni. Secondo l’emittente nipponica NHK, Inoki è deceduto per un problema cardiaco.

Congresso Pd, la linea di Letta: dal nome al simbolo, tutto in discussione

Un congresso in 4 fasi. Aperto a tutti. Non solo agli iscritti Pd. Ma a tutti coloro che si iscriveranno per partecipare al percorso congressuale, modello Agorà democratiche.

Di Maio sparisce da Facebook, la pagina ufficiale non c’è più

Mistero sulla pagina Facebook di Luigi Di Maio, sparita da ieri dalla Rete. Con i suoi 2,5 milioni di follower, il ministro sembra aver silenziato Fb.

Bollette luce e gas, allarme per i condomini: rischio interruzione forniture

Altro che riduzione della temperatura, molti condomini rischiano l’interruzione totale della fornitura di luce e gas. Lo denuncia oggi Consumerismo No profit.

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

Due arresti a Palermo per la rapina al carico di sigarette avvenuta lo scorso mese di giugno. In carcere sono finiti Francesco Mistretta, 54 anni, e Alessandro Tutone, di 38. I due sono accusati di aver messo a segno il colpo con tanto di sequestro di persona avvenuto ai danni di un furgone nella zona di via Oreto. I due sono pregiudicati per reati della stesso tipo. I fatti risalgono al 14 giugno, quando gli indagati avrebbero dapprima seguito il mezzo che effettuava le consegne, poi, approfittando del fatto che le due vittime stessero scaricando gli scatoli presso una rivendita, travisati e minacciando di morte i due operai, si sarebbero fatti consegnare 8 colli, con sigarette di svariati marchi, per un valore totale che si aggira attorno ai 15.000 euro.

Parte della refurtiva è stata recuperata, poco dopo il fatto, dagli agenti giunti sul posto. Prima di darsi alla fuga, i due indagati avrebbero poi rinchiuso le due vittime all’interno dello loro stesso mezzo, privandoli quindi della possibilità di scappare o chiedere aiuto. “Per entrambi – spiegano dalla questura – il gip ha contestato la recidiva specifica reiterata mentre solamente per Tutone è scattata l’aggravante per aver commesso il fatto mentre era sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno”.  I due, in attesa di giudizio, sono stati rinchiusi al Pagliarelli.

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Mafia, sparatoria in strada a Catania: carcere per 4 membri del clan Cappello

Lo scontro a fuoco costò la vita a due persone. Numerosi i feriti.

Tragedia sfiorata sulla Palermo-Sciacca, autobus si ribalta e finisce fuori strada

Probabili cause dell'incidente: allagamento stradale, fanghiglia, pietre e tronchi sull’asfalto.

Covid, vaccini varianti Omicron agli over 12: via alle prenotazioni in Sicilia

Partono da oggi in Sicilia le prenotazioni per le seconde dosi booster con i nuovi vaccini bivalenti.

Presunte tangenti, revoca dei domiciliari per l’ex assessore Mirabella

Revocati i domiciliari per Barbara Mirabella, l'ex assessore del Comune di Catania arrestata lo scorso 22 settembre con l'accusa di corruzione.

Caos schede, ancora incerti i dati di 48 sezioni: slitta l’insediamento di Schifani

Il neo presidente della Regione Siciliana Renato Schifani sta lavorando alla formazione del suo governo.