21.9 C
Palermo

Mafia e politica, arresto Ferrigno: “Il passaggio dei soldi ripreso in diretta”

DaLeggere

È morto Antonio Inoki, la leggenda del wrestling aveva 79 anni

È morto Antonio Inoki, leggenda del wrestling. L’atleta giapponese aveva 79 anni. Secondo l’emittente nipponica NHK, Inoki è deceduto per un problema cardiaco.

Congresso Pd, la linea di Letta: dal nome al simbolo, tutto in discussione

Un congresso in 4 fasi. Aperto a tutti. Non solo agli iscritti Pd. Ma a tutti coloro che si iscriveranno per partecipare al percorso congressuale, modello Agorà democratiche.

Di Maio sparisce da Facebook, la pagina ufficiale non c’è più

Mistero sulla pagina Facebook di Luigi Di Maio, sparita da ieri dalla Rete. Con i suoi 2,5 milioni di follower, il ministro sembra aver silenziato Fb.

Bollette luce e gas, allarme per i condomini: rischio interruzione forniture

Altro che riduzione della temperatura, molti condomini rischiano l’interruzione totale della fornitura di luce e gas. Lo denuncia oggi Consumerismo No profit.

I carabinieri hanno filmato il passaggio dei soldi, così i militari avrebbero inchiodato il candidato all’Ars alle prossime regionali, Salvatore Ferrigno. Sessantadue anni, di Carini, è accusato di avere stretto un patto con il boss Giuseppe Lo Duca e Piera Loiacono, sua intermediaria, in cambio di voti. Gli investigatori avevano, infatti, piazzato delle telecamere per poi riprendere il passaggio di denaro da parte del candidato dei Popolari Autonomisti, lista che sostiene l’ex presidente del Senato Renato Schifani nella corsa alla presidenza della Regione siciliana


“Mafia e voto di scambio”, arrestato candidato del centrodestra all’Ars


Secondo i pm, il soldi erano destinati a Lo Duca finito in manette insieme a Loiacono e Ferrigno per scambio elettorale politico-mafioso. I due uomini, si sarebbero incontrati in un bar di carini: “Alle 20,18 – spiegano dall’Arma – si aveva modo di riprendere Ferrigno nell’atto di prendere qualcosa dalla tasca dei pantaloni per poi consegnarla alla Loiacono che repentinamente riponeva tutto nella borsa”.

C’è di più, i carabinieri avevano piazzato delle cimici nell’auto di Piera Loiacono e, sempre secondo gli investigatori, dai dialoghi captati attraverso le intercettazioni ambientali emergerebbe la conferma che la donna aveva ricevuto da Ferrigno mille euro con la promessa di riceverne altri. “E Peppe si accontenta?” chiede alla Loiacono, riferendosi a Lo Duca, l’uomo che è con lei in auto. “E se non si accontenta non posso fare più niente”, risponde l’indagata.

Il patto: voti in 4 comuni. “Piera io posso corrispondere al momento di tre al massimo quattro paesi e basta e sono: Carini, Torretta, Cinisi e Terrasini”. Questo l’impegno di Giuseppe Lo Duca per procacciare voti in favore di Ferrigno, dialogando con Loiacono, ex assessore comunale che, secondo i carabinieri, sarebbe stata il tramite tra l’esponente dei Popolari Autonomisti e il boss e che viene descritta dagli agenti come una persona “intrisa di una sconcertante cultura mafiosa”.

Cinquemila euro per ogni paese. Questa la cifra che Ferrigno avrebbe dovuto pagare per ottenere le preferenze che gli servivano per avere la garanzia di essere eletto il 25 settembre prossimo all’Ars. “Gli dici (a Ferrigno, ndr) – prosegue Lo Duca – che avendo una persona, che già ci siamo capiti pure chi è, avendo questa amicizia, non meno di cinque (5000 euro, ndr) a paese. A ogni paese gli devo lasciare la metà”.

Il gip. “La spartizione della somma con ciascun rappresentante di Cosa nostra di ogni paese – scrive il giudice per le indagini preliminari – era necessaria al fine di garantire un introito economico all’articolazione mafiosa che si sarebbe dovuta mobilitare e di assicurare il dovuto riconoscimento ai mafiosi di quei comuni”. 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Mafia, sparatoria in strada a Catania: carcere per 4 membri del clan Cappello

Lo scontro a fuoco costò la vita a due persone. Numerosi i feriti.

Tragedia sfiorata sulla Palermo-Sciacca, autobus si ribalta e finisce fuori strada

Probabili cause dell'incidente: allagamento stradale, fanghiglia, pietre e tronchi sull’asfalto.

Covid, vaccini varianti Omicron agli over 12: via alle prenotazioni in Sicilia

Partono da oggi in Sicilia le prenotazioni per le seconde dosi booster con i nuovi vaccini bivalenti.

Presunte tangenti, revoca dei domiciliari per l’ex assessore Mirabella

Revocati i domiciliari per Barbara Mirabella, l'ex assessore del Comune di Catania arrestata lo scorso 22 settembre con l'accusa di corruzione.

Caos schede, ancora incerti i dati di 48 sezioni: slitta l’insediamento di Schifani

Il neo presidente della Regione Siciliana Renato Schifani sta lavorando alla formazione del suo governo.