21.9 C
Palermo

“Mafia e voto di scambio”, arrestato candidato del centrodestra all’Ars

DaLeggere

È morto Antonio Inoki, la leggenda del wrestling aveva 79 anni

È morto Antonio Inoki, leggenda del wrestling. L’atleta giapponese aveva 79 anni. Secondo l’emittente nipponica NHK, Inoki è deceduto per un problema cardiaco.

Congresso Pd, la linea di Letta: dal nome al simbolo, tutto in discussione

Un congresso in 4 fasi. Aperto a tutti. Non solo agli iscritti Pd. Ma a tutti coloro che si iscriveranno per partecipare al percorso congressuale, modello Agorà democratiche.

Di Maio sparisce da Facebook, la pagina ufficiale non c’è più

Mistero sulla pagina Facebook di Luigi Di Maio, sparita da ieri dalla Rete. Con i suoi 2,5 milioni di follower, il ministro sembra aver silenziato Fb.

Bollette luce e gas, allarme per i condomini: rischio interruzione forniture

Altro che riduzione della temperatura, molti condomini rischiano l’interruzione totale della fornitura di luce e gas. Lo denuncia oggi Consumerismo No profit.

Arrestato nella notte, a Palermo, il 62enne Salvatore Ferrigno, candidato all’Ars alle prossime elezioni regionali del 25 settembre in Sicilia. Il 62enne di Carini, è accusato di scambio elettorale politico-mafioso. L’uomo, ex deputato di Forza Italia a Montecitorio tra il 2006 e il 2008, è esponente dei Popolari Autonomisti di Raffaele Lombardo, lista che sostiene l’ex presidente del Senato Renato Schifani nella corsa alla presidenza della Regione siciliana. A finire in carcere insieme a lui pure il boss Giuseppe Lo Duca e Piera Lo Iacono, che, secondo gli investigatori, avrebbe fatto da intermediaria tra il politico e la mafia.

Dalle ricostruzioni fatte dagli inquirenti, emergerebbe che Ferrigno avrebbe promesso favori e denaro all’esponente di Cosa nostra allo scopo di ottenere voti. Sembrerebbe che la tesi accusatoria sia corroborata da intercettazioni ambientali e che alcune di queste risalgano a pochissimi giorni fa. L’inchiesta è stata coordinata dalla Dda e nasce da un’indagine dei carabinieri del Nucleo investigativo, guidati dal tenente colonnello Salvatore Di Gesare, sui clan mafiosi della provincia di Palermo.

ll presunto accordo tra Ferrigno e i boss di Cosa nostra sarebbe comprovato anche attraverso fotografie che sarebbero state scattate durante i pedinamenti del politico e aspirante deputato. Ferrigno era stato eletto alla Camera dei deputati nel 2006 per Forza Italia nella circoscrizione italiani all’estero “America settentrionale e centrale”: da oltre 40 anni infatti vive all’estero dove fa il broker assicurativo. Sono tanti i carinesi trasferiti negli anni Cinquanta negli Stati Uniti. In passato, Ferrigno, fece anche parte della commissione Difesa.

È stato tra i fondatori dell’associazione “Azzurri nel mondo of California”. Nel 2008 l’allora governatore siciliano Raffaele Lombardo lo nominò consulente per i rapporti tra la Regione e i siciliani nel mondo. Da lì si avvicinò agli autonomisti, con cui si è candidato alle Regionali. Ecco lo slogan usato per queste elezioni: “Il cambiamento è adesso. Coraggio, cominciamo”. 

+++ In aggiornamento +++

 

 


LEGGI ANCHE:

“Corruzione”, ex assessore e candidata di FdI alle Regionali arrestata a Catania

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Mafia, sparatoria in strada a Catania: carcere per 4 membri del clan Cappello

Lo scontro a fuoco costò la vita a due persone. Numerosi i feriti.

Tragedia sfiorata sulla Palermo-Sciacca, autobus si ribalta e finisce fuori strada

Probabili cause dell'incidente: allagamento stradale, fanghiglia, pietre e tronchi sull’asfalto.

Covid, vaccini varianti Omicron agli over 12: via alle prenotazioni in Sicilia

Partono da oggi in Sicilia le prenotazioni per le seconde dosi booster con i nuovi vaccini bivalenti.

Presunte tangenti, revoca dei domiciliari per l’ex assessore Mirabella

Revocati i domiciliari per Barbara Mirabella, l'ex assessore del Comune di Catania arrestata lo scorso 22 settembre con l'accusa di corruzione.

Caos schede, ancora incerti i dati di 48 sezioni: slitta l’insediamento di Schifani

Il neo presidente della Regione Siciliana Renato Schifani sta lavorando alla formazione del suo governo.