22.6 C
Palermo

Plusvalenze, mazzata sulla Juventus: 15 punti di penalizzazione in classifica

DaLeggere

La Corte d’appello federale della Figc ha sanzionato la Juventus con una penalizzazione di 15 punti nel processo plusvalenze. La Corte ha comminato una penalizzazione superiore a quella richiesta dalla procura federale, che aveva chiesto il -9 per la società bianconera. La sanzione va scontata nell’attuale stagione sportiva: la Juventus, attualmente a 37 punti, secondo la sentenza scende a quota 22. La Corte Federale di Appello presieduta da Mario Luigi Torsello ha disposto una serie di inibizioni per undici dirigenti della Juventus.

Due anni e mezzo a Paratici, 2 anni ad Agnelli e Arrivabene, un anno e 4 mesi per Cherubini, 8 mesi a Nedved, Garimberti, Vellano, Venier, Hughes, Marilungo e Roncaglio. A renderlo noto, la Figc con un comunicato stampa. Un duro colpo per la società, e inibizioni che hanno superato quelle chieste oggi dal procuratore della Federazione, Giuseppe Chinè, che pure aveva preannunciato di voler usare il pugno di ferro.

La pena – urante la requisitoria deve essere afflittiva, la Juventus in classifica deve finire ora dietro la Roma, fuori dalla zona delle Coppe Europee” aveva detto durante la requisitoria per poi chiedere nove punti di penalizzazione per la squadra, un anno e 4 mesi per Agnelli, 10 per Cherubini, un anno per Arrivabene. Poi la Corte Federale di Appello ha calcato la mano ancora di più. La riapertura del caso plusvalenze ha coinvolto altre 8 società: Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e il vecchio Novara che sono state tutte prosciolte come nel primo procedimento.

+++ In aggiornamento +++

 

 


LEGGI ANCHE:

Plusvalenze Juve, cosa sono e perché sono diventate un problema

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli