26.2 C
Palermo

Partite Iva, clima rovente per il nuovo Dpcm. Gualtieri: “Indennizzi a novembre”

DaLeggere

Clima rovente per il nuovo Dpcm che ha disposto le chiusure di alcune attività (palestre, piscine, luoghi di cultura) e ne ha limitate altre: la categoria della ristorazione su tutte che dovranno chiudere alle 18. A Palermo, Catania, Roma, Torino, Napoli, sono scoppiate proteste e lo Stato adesso assicura che gli indennizzi agli imprenditori arriveranno in fretta con il sistema già collaudato dei bonifici diretti sui conti correnti.

“Stiamo lavorando affinché gli indennizzi arrivino il più presto possibile”, spiega il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. “L’Agenzia delle Entrate potrebbe erogare i contributi già entro metà novembre forse anche un po’ prima grazie al meccanismo già autorizzato per il vecchio fondo perduto. Tutti quelli che hanno già fatto domanda per questi contributi lo riceveranno in automatico”.

L’indennizzo sarà superiore rispetto a quello precedente tenuto conto della crisi in cui versa il settore dopo il lockdown. Sono più di 300mila le aziende interessate dai ristori in Italia. Inoltre, come previsto dal Dpcm, ci sarà anche credito d’imposta, affitti commerciali bloccati per due mesi, è stata confermata la Cassa Integrazione per i lavoratori e l’indennità di 1.000 euro per i collaboratori.

Per chi non ha fatto domanda – aggiunge Gualtieri – o con fatturato superiore ai 5 milioni di euro che inseriamo ci sarà una domanda da fare e quindi ci sarà qualche settimana in più per avere l’erogazione che comunque sarà entro l’anno”. I soldi per chi aveva già fatto domanda in precedenza arriveranno invece  automaticamente.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli