11.6 C
Palermo
domenica 28 novembre 2021 - Ultimo aggiornamento alle 23:03

Agricoltura bio, un’azienda messinese tra le “Best managed”: ecco quale

DaLeggere

Covid in Italia, 12.877 contagi e 90 morti: il bollettino del 27 novembre

Sono 12.877 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, sabato 27 novembre 2021, secondo i dati e i numeri Covid– regione per regione – del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute.

Obbligo mascherina all’aperto, Boccia: “Inevitabile prima di Natale”

“Tornano le varianti, tornano le prime zone gialle come in Friuli Venezia Giulia; così com’era prevedibile, l’emergenza Covid-19 non è finita".

Nordcorea, Kim Jong-un vieta il giubbotto di pelle

Solo il partito può decidere chi si può mettere un giubbotto di pelle in Corea del Nord. Il leader nordcoreano Kim Jong un ha cominciato ad esibirlo nel 2019 e presto è diventata una moda.

Variante sudafricana Omicron, Gismondo: “Allarmismo da incoscienti”

Sulla variante sudafricana Omicron del Covid “si stanno già diffondendo voci allarmistiche”, con “conseguenze che abbiamo già visto, con il crollo in borsa".

Damiano, leader mondiale nella produzione e trasformazione di frutta secca proveniente da agricoltura biologica con sede a Torrenova (Messina) è tra le 74 aziende insignite del premio “Deloitte best managed companies” (Bmc). Il riconoscimento premia ogni anno quelle eccellenze italiane che hanno ottenuto i migliori risultati, o si sono in qualche modo distinte, in termini di strategia, competenze, impegno a favore della sostenibilità, innovazione e performance, e viene conferito nell’ambito dell’iniziativa sostenuta da Elite – il programma di Borsa Italiana che supporta lo sviluppo e la crescita delle imprese ad alto potenziale, da Confindustria e da Altis università Cattolica.

La frutta secca Damiano viene destinata a una rete globale di partner commerciali che conta oggi alcuni tra i maggiori operatori del mercato, aziende di trasformazione agroalimentare e il canale di distribuzione specializzato e gdo. Fondata nel 1964 in un territorio vocato alla produzione delle nocciole, la Damiano introduce nel 1976 la sua prima produzione biologica e inizia la storia del Bio in Europa, ponendosi tra i pionieri del settore e convertendosi interamente alla trasformazione di frutta secca proveniente da agricoltura biologica nel 2000. Nel 2019 la società si rafforza ulteriormente, vede l’ingresso di un nuovo socio, il Fondo Progressio Investimenti III, con il quale condivide un ambizioso piano di crescita.

Le Bmc premiate da Deloitte si distribuiscono su tutto il territorio nazionale, con la seguente ripartizione: Nord Ovest 40%, Nord Est 32%, Centro 15%, Sud 13%. Il settore più rappresentato è quello dei Prodotti industriali e Costruzioni (29%), seguito da consumer products (26%), technology (11%), e rappresentano sia aziende di piccole e medie dimensioni sia grandi imprese: il 54% ha un numero di dipendenti fino a 249, il restante 46% conta una forza lavoro che va oltre le 250 unità.

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Covid in Sicilia, 645 nuovi positivi e 8 vittime: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 27 novembre.

Orrore a Messina, abusi sessuali sulla figlioletta: video diffusi in chat. Arrestato

L'orco era proprio il papà che la costringeva ad avere rapporti sessuali per poi filmarli e condividerli con altri.

Falsa disabile per avere trasferimenti e permessi: docente indagata a Lentini

Indagata una docente a Siracusa con l'accusa di truffa ai danni dello Stato. L'indagine della Guardia di Finanza di Lentini nei confronti di una insegnante.

Trapani, arrestato messaggero di Messina Denaro: deve scontare 3 anni

I carabinieri della Stazione di Gibellina hanno arrestato Leonardo Agueci, 34 anni. L'uomo era già finito in manette nell'agosto del 2015 nell’ambito dell’operazione "Ermes".

Caso Denise, Piera Maggio: “Temiamo l’oblio, ma chiediamo solo la verità”

"Abbiamo paura per quello che potrebbe accadere in futuro al nostro caso, l'oblio totale".