27.5 C
Palermo

Ora solare, mini jet lag e cambi d’umore: i consigli degli esperti

DaLeggere

È fatta, dalle 3 di questa notte lancette indietro di un’ora per il passaggio all’ora solare 2021. Ma l’addio all’ora legale, con giornate via via più corte, può comportare anche qualche disturbo: non sono infatti infrequenti problemi del sonno, cambi d’umore, stress e – nei casi più gravi – problemi anche a livello cardiaco. A spiegare come superare al meglio questo mini jet lag è Liborio Parrino, responsabile del Centro di Medicina del sonno e direttore della Neurologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

“Il cambio dell’ora è un piccolo jet lag, un disturbo del sonno che riproduciamo ogni sei mesi. Per questo la melatonina ci può aiutare ad accelerare il processo di adeguamento al nuovo orario”, sottolinea. “Perché faccia effetto però – spiega Parrino – bisogna prenderla in momenti precisi, per cui se perdiamo un’ora di luce come quando viaggiamo verso est, dobbiamo prenderla la sera prima, due ore prima di andare a letto, per anticipare l’addormentamento. Mentre al contrario quando guadagniamo un’ora di luce dobbiamo prenderla al mattino. E se abbiamo un animale domestico – ironizza- bisognerebbe darla anche a lui per convincerlo che non è ancora ora di mangiare o di fare la pipì”. 

Oltre al problema del sonno però l’accorciarsi della giornata provoca anche effetti negativi sull’umore. “La luce è un potente antidepressivo – ricorda il neurologo – tanto che molti ospedali psichiatrici hanno le finestre orientate verso Est in modo che la luce del sole fin dall’alba possa entrare nella stanza dei pazienti. È noto che la luce ha effetti sul tono dell’umore e infatti nei Paesi del nord Europa la depressione è molto più frequente”. Per evitare l’abbattimento morale, se soffriamo parecchio per questo cambio di orario si può correre ai ripari con “le lampade a 10mila lux che sono lampade – spiega il medico – che servono proprio per combattere la malinconia dovuta alla carenza di illuminazione appropriata”. 

Per il neurologo bisognerebbe “lasciare l’orologio sempre uguale, si se lasciare sempre l’ora solare o sempre quella legale ma non bisogna spostare ogni sei mesi queste benedette lancette che sono un trauma psicologico e organico per le persone più fragili o più sensibili a questo tipo di oscillazione. Anche l’American academy of sleep medicine, cioè l’autorità mondiale forse più importante – ricorda Parrino – l’anno scorso ha pubblicato un lavoro in cui i massimi esperti che si sono riuniti hanno detto ‘basta cambiare l’orologio’”. Ma tra ora legale e ora solare quale sarebbe preferibile mantenere? “Noi come scienziati del sonno siamo più a favore dell’ora solare perché aiuta la gente ad andare a letto un pochino prima alla sera perché fa buio prima, ma comunque l’importante è mantenere lo stesso orario tutto l’anno”.  

“Dobbiamo recuperare il tempo delle stagioni che abbiamo completamente smarrito – dice Parrino – . Esiste un tempo della luce e un tempo del buio. Parlano tutti di ambiente e poi quando dobbiamo mettere in pratica un rapporto con la natura un po’ più diretto e sincero ci sono le obiezioni. L’orario giusto – insiste – è quello solare, perché comanda lui, non comandiamo noi. La scusa economica secondo cui così si risparmia perché si consuma meno energia – afferma – ormai non ha più senso: con il buio si continuano le attività con luci accese, aria condizionata, locali aperti, insomma mi sembra un discorso poco elegante e poco chiaro”. 

“Sappiamo che nelle settimane successive ai cambiamenti di orario, così come nella giornata del lunedì, si registra un incremento dei casi di infarto miocardico in tutto il mondo. Quindi là dove si cambia l’orologio c’è un prezzo che si paga in maniera molto pesante”, continua il neurologo. “Tutti gli studi concordano che c’è un aumento del rischio delle cardiopatie acute nel periodo che segue il cambiamento” di orario. E il rischio cardiologico non è l’unica ripercussione fisica.

Abbiamo uno stress anche psicologico, chi soffre di depressione può avere questo shift immediato che può portare a un peggioramento. Uno stress vegetativo e ormonale perché tutto quello che riguarda il difficile equilibrio del controllo degli ormoni è regolato dal ritmo sonno-veglia e dalla luce”. Buone notizie però per i nottambuli. “I ‘gufi’ se fa buio prima o buio dopo non ne risentono più di tanto” mentre “le ‘allodole’”, ovvero i mattinieri, “soffrono molto di più del cambio di orario”. 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli