21.5 C
Palermo

Rifiuta di pagare il pizzo e li denuncia: due arresti nel Siracusano

DaLeggere

I carabinieri di Siracusa hanno arrestato e portato in carcere due persone accusate di tentata estorsione “aggravata dal metodo mafioso”. Il provvedimento è stato eseguito tra i comuni di Avola e Noto. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip di Catania, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. L’indagine è scaturita, ad aprile 2021, dalla denuncia del titolare di un’attività commerciale di Avola a cui i due arrestati si sarebbero rivolti per ottenere 25.000 euro.

Somma questa che sarebbe servita, secondo gli investigatori, per sostenere alcune spese processuali. I due avrebbero avanzato le loro richieste in più occasioni, dichiarando di essere stati mandati da un esponente di vertice del locale clan mafioso dei “Pinnintula”. La vittima si è rivolta ai carabinieri di Siracusa che, coordinati dalla procura distrettuale di Catania, hanno svolto indagini anche attraverso le attività tecniche ed i servizi di osservazione, controllo e pedinamento.

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli