27.5 C
Palermo

Giulia Cecchettin, i funerali a Padova. Turetta: “Ho fatto una cosa orribile”

DaLeggere

Il funerale di Giulia Cecchettin sarà martedì 5 dicembre a Padova. La procura di Venezia ha concesso il nullaosta, dopo l’autopsia durata 14 ore. L’ultimo saluto alla basilica di Santa Giustina della Valle a Padova. Si tratta di un luogo capace di accogliere migliaia di persone, visto il clamore mediatico intorno al delitto, e e che consentirà anche agli amici dell’università di poter partecipare. Una cerimonia, più intima, è invece prevista alle ore 14 nella chiesa di Saonara, dove sarà seppellita la 22enne nello stesso cimitero dove riposa la madre, morta poco più di un anno fa.

L’arma del delitto. Filippo Turetta ha usato un solo coltello per uccidere Giulia Cecchettin.  uno dei dettagli che emerge dopo 14 ore di autopsia sul corpo della studentessa 22enne assassinata dall’ex fidanzato. Un dettaglio che sarebbe stato confermato anche nell’ampia confessione resa ieri davanti al pm di Venezia Andrea Petroni.

L’autopsia. Giulia Cecchettin è morta in pochi minuti per la serie di coltellate che Filippo Turetta le ha inferto. Nessun colpo ha reciso le principali arterie, ma quegli affondi – insieme al trauma dovuto all’aver sbattuto la testa contro l’asfalto – hanno portato al decesso per dissanguamento della 22enne. L’autopsia, durata ieri 14 ore, ha restituito la mappa dettagliata dei fendenti, inferti con un solo coltello, ma anche delle abrasioni di quando Giulia è stata buttata in una scarpata vicino al lago di Barcis, lontana più di 100 chilometri dalla zona industriale di Fossò dove è morta, intorno alle 22.40, sabato 11 novembre scorso.

Il decesso colloca la competenza territoriale a Venezia, procura che contesta all’arrestato l’omicidio volontario aggravato, il sequestro di persona e l’occultamento di cadavere. L’autopsia non ha, invece, svelato segni evidente di nastro adesivo ai polsi, il che lascia ipotizzare che Giulia tra l’aggressione nel parcheggio di Vigonovo alla zona industriale sia stata tenuta ferma in auto sotto la minaccia del coltello, oltre che dalla paura di essere uccisa. Il nastro adesivo, secondo l’ordinanza di custodia cautelare, è stato messo da Turetta sulla bocca dell’ex fidanzata per impedire a Giulia di urlare.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli