27.5 C
Palermo

Meloni – Schlein e il duello tv: prima sfida in attesa delle Europee

DaLeggere

Sul duello tv con Giorgia Meloni il guanto, in realtà, l’aveva lanciato Elly Schlein all’ultima all’assemblea del Pd, a metà dicembre: “Sono sempre pronta a un confronto nel merito con lei, di persona. In televisione o in un altro luogo. Io non ho paura del confronto con lei su niente”, aveva detto la segretaria dem parlando della premier. Per questo quel “volentieri” della premier alla domanda sulla disponibilità al faccia a faccia entro le europee, suona come una sorta di ‘start’ al lungo duello tra le due leader da qui al voto Ue.

“Meloni ha raccolto la sfida, finalmente. Ora non può più scappare”, sottolineano fonti parlamentari dem. Le tv, del resto, sono entusiaste e già sono al lavoro per concretizzare l’evento. Sarebbero SkyTg24 e Porta a Porta le testate già partite in “pressing” sui rispettivi staff per passare alla fase operativa. In casa dem, comunque, un primo risultato lo registrano: la presidente del Consiglio ha pubblicamente riconosciuto il ruolo della Schlein come “competito”. È un tema che ha fatto subito alzare il termometro dell’opposizione.

“Meloni vuole confrontarsi con chi teme di meno”, ha detto il capogruppo M5d al Senato Stefano Patuanelli.Alla Meloni piace vincere facile”, ha fatto eco Maria Elena Boschi, di Iv. Comunque sia, è stata la Meloni a parlare della Schlein come “leader di opposizione”. Ma il punto fondamentale, sottolineano sempre le fonti parlamentari dem, è il “confronto nel merito” con la presidente del Consiglio. Un terreno sul quale Meloni, per il Pd, ha molti punti deboli: “Oltre due ore di conferenza stampa per non dire nulla”, hanno detto i capogruppo Pd Boccia e Braga.

Ma non sarebbe tanto quello in tv il vero duello Meloni-Schlein, già saltato ai tempi di Atreju con il duro ‘no, grazie’ della leader dem: “Io il palco con i nostalgici del fascismo e del franchismo non lo condivido”. La partita principale resta quella della candidatura delle due leader alle europee. La stessa Meloni, spiegando della sua indecisione, ha lanciato una sfida di non poco conto alla segretaria dem: “Una mia candidatura spingerebbe altri leader a mettersi in gioco e questo sarebbe un test di altissimo livello, interessante”.  

Nel Pd le opinioni sono diverse, anche nel gruppo dirigente. C’è chi preme per un impegno sul campo della segretaria, convinto che questo spingerebbe il Pd oltre la soglia del 20%. Altri, oltre alle questioni legate al meccanismo della doppia preferenza che finirebbe per penalizzare le candidate dem, temono il fatto che in caso di vittoria del centrodestra e di un successo di FdI comunque il conto alla Schlein verrebbe presentato, a prescindere dai numeri raccolti dal Pd.

“Ancora c’è tempo”, rispondono in casa dem a chi sollecita indicazioni sulla candidatura della segretaria. Il lavoro sulle liste, comunque, procede. I nomi che circolano sono quelli dei sindaci, Nardella e Ricci al Centro, De Caro al Sud, Gori al Nord ovest. Poi ci sono le uscenti Picierno, Gualmini, Tinagli e Laureti, la new entry Marta Bonafoni. Ci sono nel ‘totonomi’ big come Zingaretti ma anche esterni come Chiara Valerio, Maurizio De Giovanni, Cecilia Strada. Ma tutto può cambiare nel caso in cui la Schlein decidesse di scendere in campo, magari dopo un annuncio simile fatto dalla Meloni. Il duello Giorgia-Elly è ancora tutto da consumare.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli