21.5 C
Palermo

Acqua, livelli critici negli invasi: emergenza idrica a Palermo e provincia

DaLeggere

Le riserve disponibili per la distribuzione idrica nelle reti dei 47 comuni della provincia di Palermo affidati in gestione ad Amap hanno raggiunto livelli di allerta. Ciò per effetto del regime climatico della passata stagione autunnale e dell’inizio della corrente stagione invernale, caratterizzato da scarse precipitazioni produttive e temperature ben al di sopra delle medie. Le piogge della prima metà del mese di gennaio non hanno finora apportato significativi aumenti dei livelli degli invasi con situazioni di particolare criticità nei serbatoi Rosamarina, Scanzano e Piana degli Albanesi in cui si registra una diminuzione dei volumi di circa un terzo rispetto allo scorso anno.

Abbassamenti si registrano anche nei livelli delle falde idriche sotterranee di tutta la provincia con riduzione delle portate rese dalle sorgenti e dai pozzi. Un quadro definitivo della situazione si potrà delineare solo al termine della corrente stagione produttiva, che in genere coincide con la fine del mese di aprile. Amap sta quindi adottando, in via precauzionale, un programma di riduzione delle portate prelevate dagli invasi e dalle fonti con consequenziali abbassamenti delle pressioni nelle reti gestite. Analoghe riduzioni delle consegne agli Acquedotti Montescuro Est e Ovest sono state operate dal gestore di sovrambitoSiciliacqueper far fronte alle gravi condizioni di scarsità idrica in cui versa l’invaso Fanaco.

Allo stato attuale le riduzioni delle pressioni interessano: tutte le sottoreti idriche della città di Palermo in cui si potranno verificare disservizi soprattutto ai piani alti delle utenze non condominiali; i comuni serviti dallo schema acquedottistico Scillato-Presidiana: Villabate, Ficarazzi, Santa Flavia, Bagheria, Casteldaccia e gli utenti del Canale di Scillato; i comuni serviti dallo schema acquedottistico Jato: Isola delle Femmine, Capaci, Carini, Cinisi e Terrasini (non in gestione Amap), Trappeto, Balestrate; i comuni serviti dall’Acquedotto Montescuro Est: Alia, Aliminusa, Caccamo, Lercara Friddi, Montemaggiore Belsito, Roccapalumba e Vicari. Ancora, i comuni serviti dall’Acquedotto Montescuro Ovest: Chiusa Sclafani e Giuliana; i comuni alimentati da fonti locali maggiormente sensibili ai periodi siccitosi: Campofelice di Fitalia, Camporeale, Cefalà Diana, Cerda, Corleone, Godrano, Mezzojuso, Partinico, Piana degli Albanesi, San Cipirello, San Giuseppe Jato, Santa Cristina Gela, Torretta.

La situazione degli approvvigionamentisi legge in una nota dell’azienda – viene costantemente monitorata da Amap al fine di apportare i necessari correttivi e ridurre al minimo, per quanto possibile, i disservizi agli utenti. Ogni ulteriore aggiornamento sarà disponibile sul sito www.amapspa.it”.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli