26.2 C
Palermo

Palermo, i lavoratori dello spettacolo in piazza contro il Dpcm

DaLeggere

Protesta dei lavoratori dello spettacolo oggi a Palermo. In 400 si sono riuniti alle 10 in piazza Verdi, davanti alla scalinata del Teatro Massimo, per protestare contro il nuovo Dpcm.

A chiedere provvedimenti per la loro tutela, le sigle sindacali Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil. La manifestazione è stata indetta nell’ambito della giornata di mobilitazione nazionale del settore che necessita oggi più che mai di investimenti per il rilancio dei tanti freelance.

Come ha affermato Maurizio Rosso, coordinatore regionale della Slc Cgil: “A tutti gli anni di incuria e di mancati investimenti si aggiunge la crisi odierna, che sta pesando soprattutto sui tanti freelance, attori e maestranze, che non godono di ammortizzatori sociali”.

Dati allarmanti sono stati riportati anche dai sindacati che hanno sottolineato quanto siano necessarie “garanzie per gli artisti che vivono una vita da precari e che in questo periodo di emergenza sanitaria sono alle corde”. L’Italia, infatti, investe in produzione culturale solo lo 0,19 % del Pil contro l’1,7% di Germania e Francia.

Il segretario della Slc ha sottolineato inoltre che “è per questo che il settore è sempre più in difficoltà. Noi chiediamo finanziamenti certi per le fondazioni liriche, i teatri di prosa, le istituzioni concertistiche classiche e del jazz, in modo che possano effettuare una programmazione triennale”.

Anche da Cgil, Cisl e Uil è arrivata la richiesta di “riconoscimento e tutele per tutte le espressioni artistiche, compreso la danza classica che per l’incuria dello Stato rischia di morire”.

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli