21.5 C
Palermo

Bufera alla Foss: in 47 indagati per “truffa aggravata” a Palermo

DaLeggere

Furbetti del cartellino alla Fondazione orchestra sinfonica siciliana. Personale della Digos di Palermo ha eseguito a Palermo e nella provincia un’ordinanza di di misura cautelare personale con obbligo di presentazione presso gli uffici di polizia giudiziaria nei confronti di 47 persone collegate a vario titolo alla Foss. Il provvedimento è stato emesso dal gip per truffa aggravata in concorso in danno della Regione siciliana.

Nello specifico, i provvedimenti coinvolgono 30 ex Pip appartenenti al bacino “Emergenza Palermo”‘, assegnati dal dipartimento regionale del Lavoro alla Foss, con mansioni di pulizia, manovalanza, giardinaggio, servizio di maschera in sala, centralino e portineria. La misura, inoltre, sarà estesa a 16 dipendenti della Fondazione orchestra sinfonica siciliana, addetti all’area amministrativa, tecnica e alla direzione artistica e nei confronti del figlio di un dipendente della Fondazione, che si è reso responsabile della “beggiatura” fraudolenta in favore del proprio genitore.

Le indagini svolte a febbraio, marzo e aprile del 2019, con servizi tecnici di videoripresa e di osservazione e pedinamento, ha consentito di mettere in luce, anche nei confronti dei dipendenti della Foss appartenenti al ruolo amministrativo e al ruolo dei professori d’orchestra.

“La gravità dei fatti accertati – dicono gli investigatori – e la loro reiterazione nel tempo ha consentito di cristallizzare un quadro di marcata e diffusa illegalità, posta in essere attraverso allontanamenti di diverse ore dal luogo di lavoro con l’obiettivo di svolgere faccende di carattere strettamente personale”.

Secondo gli investigatori, emergerebbe anche il caso di un addetto all’orchestra e tecnico di palcoscenico che si allontanava per andare dal barbiere, portare la propria vettura all’autolavaggio o recarsi a Isola delle Femmine per pranzare con la moglie.

Dalle ricostruzioni emergerebbe anche il caso di un dipendente dell’area tecnica e direzione di sala che, pur risultando presente in teatro, si sarebbe allontanato numerose volte usufruendo della “beggiatura” effettuata da un collega o addirittura della complicità di un altro lavoratore appartenente al bacino degli ex Pip.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli