25.7 C
Palermo

Covid nelle carceri, Antigone Sicilia: “Pericolo alto al Pagliarelli”

DaLeggere

Dopo la visita di venerdì​ scorso al carcere Ucciardone di Palermo, ieri il presidente dell’associazione Antigone Sicilia Pino Apprendi, insieme a Simona Di Dio, ha visitato il carcere Pagliarelli. “Il Covid in carcere c’è​ ed è​ un fatto che deve preoccupare tutti – afferma Apprendiil carcere è un luogo vissuto oltre che dai detenuti anche da tante persone che equivalgono quasi il numero dei reclusi”.

“A Pagliarelli ci sono 1278 detenuti a fronte di una capienza di 1158 e 760 appartenenti alla polizia penitenziaria, assistenti sociali, educatori, psicologi, infermieri, medici,​ impiegati amministrativi, volontari e un direttore. Quasi lo stesso numero dei ristretti. Il pericolo è​ alto: nella prima fase eravamo un poco più​ tranquilli, ma ora il Covid è entrato prepotentemente in carcere”. 

Alla fine della visita, gli osservatori di Antigone si sono incontrati con i rappresentanti del Comitato Esistono i Diritti e con il presidente Gaetano D’Amico e hanno​ organizzato un sit​ in sul viale Regione Siciliana, all’altezza del carcere di Pagliarelli, per chiedere l’istituzione del garante comunale dei detenuti e l’amnistia.

“Bisogna alleggerire la presenza in tutte le carceri con l’amnistia e, in attesa, applicare misure alternative come gli arresti domiciliari, soprattutto per chi non ha commesso reati gravi, chi è​ in attesa di giudizio o gravemente malata. Anche​ la Corte​ Europea – conclude Apprendi –  ha richiamato l’Italia per applicare misure alternative alla detenzione in carcere”.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli