29.8 C
Palermo

Catania, giudice libera migranti irregolari. Piantedosi: “Impugnare la sentenza”

DaLeggere

“Impugneremo sentenza giudice Catania” che ha negato la convalida del trattenimento di 3 migranti irregolari del centro di Pozzallo. Lo ha ribadito oggi il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, nel corso del punto stampa a Imperia, dove ha partecipato al comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica. ”Dalla lettura degli atti e della decisione del giudice sono convinto che ci siano gli estremi per impugnare. Quindi impugneremo e siamo convinti che abbiamo ragioni da sostenere nel grado di giudizio successivo”, ha affermato.

”Questo di certo non frena le nostre iniziative – ha aggiunto – cercheremo di rimpatriare attraverso le procedure accelerate che sono previste dalle leggi nazionali ed europee, il trattenimento è solo uno strumento in più per questo tipo di procedure”. Piantedosi ha poi annunciato che ci sarà un Cpr “in Liguria” ma non a Ventimiglia ”perché al momento non abbiamo segnalazione di immobili disponibili”. Il titolare del Viminale ha spiegato che “individueremo le aree a breve ma l’individuazione delle aree è fatta anche in base ai tempi di realizzazione. Non sono in grado di dire i tempi di realizzazione ma i tempi di individuazione sono ormai prossimi”. 

Commentando le dichiarazioni del ministro della Difesa Guido Crosetto sulla posizione della Germania, Piantedosi spiega che “il mio amico ministro Crosetto è dalla parte del giusto perché quando si sostiene che le politiche delle migrazioni da una parte devono prevedere un estremo favore alle ong in mare per recuperare più persone possibili e dall’altra si chiudono i propri confini credo che sia sotto gli occhi di tutti che ci sia una contraddizione logica. Ovviamente in Europa il Consiglio dei ministri dell’Interno è un luogo di mediazione dove c’è un negoziato in atto e confido che al netto delle rispettive posizioni che partono in negoziato da una posizione di distanza ci siano i margini per ritrovarci tutti insieme in un punto di mediazione che senza sconfessare alcuni principi fondamentali possa proporci una soluzione possibile”, ha aggiunto.

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli