29.3 C
Palermo

La droga nascosta in casa dei nonni, giovane pusher in manette a Messina

DaLeggere

Oltre 40 grammi di hashish sono stati sequestrati dai Carabinieri della Compagnia di Messina Centro che nei giorni scorsi, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato, in flagranza di reato, un giovane pusher messinese. L’arresto ed il sequestro della droga sono stati eseguiti da una pattuglia di militari della Stazione di Messina Giostra, impegnata in un servizio di controllo del territorio, mirato anche alla prevenzione e al contrasto di reati in materia di stupefacenti.

I Carabinieri nel transitare su viale Giostra, nelle vicinanze di una zona nota come piazza di spaccio, hanno avvistato il giovane che, con atteggiamento guardingo, in un’area appartata, stava dialogando con un altro individuo. Il ragazzo, appena si è accorto della presenza dei militari ha tentato di nascondersi tra le auto in sosta, presumibilmente con l’intento di non incappare in un controllo. L’azione del giovane non è sfuggita alla vista dei Carabinieri che lo hanno bloccato e perquisito trovandogli una dose di hashish addosso.

Alla ricerca di altra droga che potesse essere detenuta dall’individuo, i militari hanno perquisito di tutti i luoghi di pertinenza del giovane e, nella casa dei nonni, in una stanza nella disponibilità del presunto pusher, i militari hanno trovato e sequestrato oltre 40 grammi di hashish, un bilancino di precisione intriso di sostanza stupefacente e del materiale utilizzato verosimilmente per il confezionamento della droga. Condotto in caserma in stato di arresto, il giovane pusher si trova ora agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa di essere giudicato. La droga sequestrata è stata inviata presso il R.I.S. Carabinieri di Messina per le relative analisi di laboratorio.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli