29.8 C
Palermo

Seconda ondata di Coronavirus, coprifuoco nelle regioni: Sardegna verso il lockdown

DaLeggere

In arrivo un ulteriore stretta in un’altra regione colpita dalla seconda ondata di Coronavirus in Italia. Potrebbe essere la Sardegna che pare possa istituire un nuovo lockdown dopo i coprifuoco imposti in Lombardia, Campania e Lazio. In tutto il Paese, si corre ai ripari con ordinanze regionali e comunali: la curva dei contagi continua inesorabilmente a salire e occorrono prospettive di largo orizzonte.

In Lombardia.  Da oggi coprifuoco dalle 23 alle 5, ordinanza in vigore fino al 13 novembre.

In Campania. Non si può circolare in tutto il territorio regionale. Da domani, invece, scatta l’obbligo di chiusura per tutte le attività commerciali dalle 23 alle 5.

Nel Lazio. Anche qui coprifuoco dalle 24 alle 5. Da lunedì inizia la didattica a distanza per istituti superiori e Atenei. Transenne nelle aree in cui si svolge la consueta movida notturna: piazza Campo dei Fiori, via del Pigneto, piazza Madonna dei Monti e piazza Trilussa a Trastevere.

In Sardegna. Il rischio è quello del lockdown totale che potrebbe adottare, entro 48 ore, il presidente della Regione Christian Solinas. Quindi chiusura di porti, aeroporti e delle principali attività.

In Veneto. Il governatore leghista, Gianluca Zaia, è contrario a qualsiasi lockdown: “Meglio pensare alla mascherina piuttosto che pensare a fermare i passaggi tra regioni.

In Piemonte. Stop a tutti i centri commerciali non alimentari nei weekend e alla movida torinese a partire dalle 22,30. La provincia di Asti va verso il coprifuoco.

In Liguria. A Genova, chiusura delle strade a macchia di leopardo dalle 21 di stasera e fino alle 6.

In Sicilia. Coprifuoco dalle 21 alle sei per la movida palermitana con un’ordinanza del sindaco per contenere i contagi che potrebbero derivare da eventuali assembramenti. Particolarmente convolte le strsade del centro storico che è molto ampio. Anche qui il presidente della Regione, Nello Musumeci, pensa ad una stretta a locali e Dad nelle scuole per contenere i contagi che ieri nell’Isola erano quasi 800.

In Emilia Romagna. A Rimini è in vigore fino al 13 novembre una ordinanza che vieta la vendita di alcolici dalle 21 alle 5 da parte di minimarket e distributori automatici. Il sindaco di Bologna Virginio Merola oggi ha chiesto ai suoi concittadini: “restate in casa se non è proprio necessario uscire”.

In Valle d’Aosta. Da mezzanotte decade la zona rossa per i comuni di Saint-Denis, Verrayes e Chambave, adottate lo scorso 15 ottobre.

In Calabria. I contagi sono saliti in modo esponenziale, il presidente della Regione sta pensando di emanare un’ordinanza, in vigore da lunedì, per almeno due settimane e imporre così un giro di vite per bloccare l’avanza del virus. Si profila l’ipotesi della Dad e del coprifuoco nelle ore notturne.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli