7.8 C
Palermo

Palermo, Miccichè: “Revoca licenze agli evasori? Ricatto della Giunta Orlando”

DaLeggere

Non va giù al presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, la decisione del Comune di Palermo di sospendere la licenza ai commercianti che evadono le tasse. Il numero uno di Palazzo Reale si unisce al dissenso del presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio, che ha parlato di “vessazione”. La revoca dell’autorizzazione è adesso prevista dal regolamento in tema di contrasto all’evasione fiscale votato la sera del 30 ottobre scorso dal Consiglio Comunale (18 favorevoli e 2 astenuti).

“In un momento di enorme crisi economica in cui le attività commerciali registrano zero incassi o, peggio, sono costrette a chiudere – dice Miccichèil Comune di Palermo cosa fa? Chiede soldi ai commercianti, infierendo senza pietà su una categoria già distrutta dalla pandemia e dalle false promesse del Governo nazionale, ricattandoli con la revoca delle licenze se non pagano i tributi”.

“Evidentemente anche il sindaco di Palermo, così come il governo Conte, non ha neanche la vaga percezione della gravità della situazione economica in cui versa la Sicilia. Si tratta dell’ennesima aberrazione dell’Amministrazione comunale”.

“Sarebbe opportuno – conclude Miccichèche, in questi momenti di difficoltà obiettiva, l’Amministrazione Orlando stesse dalla parte dei cittadini e delle imprese, quest’ultime duramente colpite dal precedente lockdown, dalle nuove disposizioni di coprifuoco e con la spada di damocle di una nuova serrata”.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli