34.1 C
Palermo

Covid, Orlando ci ripensa: le scuole rimangono aperte a Palermo (Video)

DaLeggere

GUARDA IL VIDEO IN BASSO

Ha avuto un colloquio con il ministro della Salute, Roberto Speranza, e con il presidente della Regione, Nello Musumeci, che lo hanno rassicurato: “Mi hanno detto che non c’è un pericolo focolai nelle scuole”. Da qui la decisione di non chiudere le scuole dell’obbligo a Palermo, scelta annunciata ieri, ma “Mi riservo di firmare un’ordinanza già pronta nel caso in cui i dati non corrispondessero alla realtà. Avrei potuto buttarla in polemica ma non lo faccio, mi riservo di farlo nel caso in cui i numeri forniti fossero sbagliati”.

Così il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, nel corso di una diretta Facebook per fare il punto della situazione sull’emergenza Covid a Palermo.

“Sono stato preoccupato, sono preoccupato e lo sarò finché non si troverà una soluzione alla pandemia. A settembre ho chiesto a Razza (l’assessore regionale alla Sanità, ndr) i dati sui contagi da Coronavirus, dieci giorni fa è stata accolta. Noi sindaci ogni giorno li riceviamo ma non è stata evasa la richiesta dei dati inerenti alle strutture sanitarie”.

Poi Orlando punta l’indice verso l’organizzazione sanitaria in Sicilia: “Si assiste a una ricerca di posti Covid che finiscono col determinare la chiusura di reparti destinati ad altre patologie”.

“La Sicilia è tra le regioni con il minor numero di tamponi eseguiti. Dobbiamo chiedere e pretendere uno screening più ampio e noi per collaborare abbiamo messo a disposizione la Fiera del Mediterraneo. Mi auguro che ci dichiarino ‘zona verde’ ma se saremo ancora ‘arancione’ o ‘rossa’, naturalmente speriamo di no, dobbiamo sapere cosa fare e ognuno deve prendersi le proprie responsabilità”.

 

GUARDA IL VIDEO IN BASSO


Articoli correlati:

Coronavirus, Orlando chiude le scuole dell’obbligo a Palermo (Video)

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli