21.4 C
Palermo

Giornata della pesca, Musumeci: “Liberate i mazaresi ostaggi in Libia”

DaLeggere

È ancora in stallo la vicenda dei 18 pescatori trattenuti dalle autorità libiche dall’1 settembre. Oggi si celebra la Giornata mondiale delle pesca e il presidente della Regione, Nello Musumeci, che aveva già invocato l’intervento di Roma rivolge un pensiero ai marittimi siciliani.

“Si celebra oggi la Giornata mondiale della pesca, un settore vitale per la nostra economia, che dà  sostentamento a migliaia di famiglie in Sicilia. Nell’assicurare tutta la possibile attenzione del governo regionale agli operatori,  non posso fare a meno di rivolgere il mio pensiero ai 18 marinai dei pescherecci “Antartide” e “Medinea” della marineria di Mazara del Vallo sequestrati dalla Guardia Costiera libica il primo settembre scorso”.

“Da 82 giorni ormai sono trattenuti a Bengasi senza la possibilità di comunicare con le famiglie in angosciosa attesa di poterli riabbracciare. Rinnovo, per l’ennesima volta, un forte appello al Governo nazionale, affinché attraverso i canali diplomatici agisca con la dovuta determinazione per consentire ai pescatori, ancora prigionieri, di tornare presto a casa, tra i loro affetti”. 

Ad ottobre, il governo Musumeci ha depositato, in Commissione bilancio dell’Ars, un emendamento, a firma degli assessori all’Economia Gaetano Armao e alla Pesca Edy Bandiera, per stanziare centomila euro per le famiglie dei pescatori sequestrati.

Sempre a ottobre, il governatore ha ha scritto ai parlamentari europei e nazionali eletti in Sicilia per invitarli a fare il possibile per liberare gli equipaggi.

 

Leggi il post su Facebook:


Articoli correlati:

Pescherecci sequestrati, Musumeci: “Centomila euro ai familiari dei pescatori”

Pescherecci sequestrati in Libia: l’appello di Musumeci ai parlamentari siciliani

Sequestro pescherecci in Libia, Musumeci: “Intollerabile silenzio di Di Maio”

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli