20.7 C
Palermo
giovedì 17 giugno 2021 - Ultimo aggiornamento alle 07:38

Anziani “fragili” in attesa del vaccino e disorganizzazione nell’Italia anti-Covid | EDITORIALE

DaLeggere

AstraZeneca, class action Codacons: “Già 10mila richieste per il risarcimento”

Le adesioni all’azione collettiva lanciata dal Codacons per il risarcimento in favore di tutti i soggetti con meno di 60 anni che hanno ricevuto dosi di Astrazeneca “crescono di ora in ora".

Covid in Italia, 1400 contagi e 52 morti: il bollettino del 16 giugno

Sono 1.400 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia secondo il bollettino di oggi, 16 giugno. Nella tabella si fa riferimento ad altri 52 morti. I tamponi fatti da ieri sono stati 203.173 tamponi con un tasso di positività allo 0,6%.

Italiano parla come mangi, si pronuncia e si scrive “cibersicurezza”: lo dice la Crusca

Il gruppo di linguisti Incipit ritiene che in italiano la parola "cibernetica", da cui si può far derivare il prefisso "ciber-" (che va pronunciato com'è scritto), indichi la strada preferibile per la formazione di neologismi.

Da domani esami di maturità per 540mila studenti: come funziona, le regole

Maturità 2021, domani si parte. Mercoledì 16 giugno oltre 540mila studenti dovranno affrontare l’ultimo scoglio della loro carriera scolastica e affrontare il tanto temuto e agognato esame di maturità.

Secondo le cronache dei giornali, c’è un clima di disagio, di delusione, per i tanti dimenticati fragili nell’operazione vaccinazioni anti Covid in alcune ricche e organizzate città del Nord, mentre crescono al Sud, in particolare in Sicilia, l’organizzazione sanitaria e la solidarietà verso gli anziani con patologie. Contesto nel quale la Sicilia registra il primato assoluto sul piano vaccini, come annunciano con enfasi giustificata il governatore Nello Musumeci e l’assessore regionale all’Istruzione, diretto ai giovani studenti maturandi, con nuove 25 mila dosi. In attesa che da giugno scatti quello nazionale per i 12 e i 18 anni, in particolare per la fascia di scolaresca considerata in ipotesi di contagiosità trasmessa da familiari, parenti o amici, nell’ambito della frequenza a scuola.

Le vaccinazioni anti Covid non sono obbligatorie – è però bene che vengano eseguite -; a fine estate, dicono gli esperti medico scientifici, è previsto che l’intera popolazione italiana sia vaccinata per oltre il 75%. Previsioni e dati al Sud e che lasciano ben sperare per la tutela della salute pubblica, e sperare che le dosi di vaccino siano sufficienti in Italia per coprire tutte le fasce di età della popolazione.

Nel clima di delusione, resta il grosso nodo da risolvere e che è motivo di allarme nelle famiglie e sull’intero territorio italiano: come detto, l’assistenza vaccinale a casa dei più fragili, e ultra ottantenni, che non riescono, perché portatori di patologie invalidanti, a spostarsi nei centri di vaccinazioni.  Se tale assistenza è assicurata in Sicilia, nel resto d’Italia, in particolare in quelle città in cui il sistema digitale di prenotazioni è complicato e confusionario, sembra alquanto lacunosa nel rapporto cittadini-uffici preposti anche a una semplice informazione.

O, se dopo tanti tentativi, si riesce finalmente ad ottenere informazioni su come ricevere il servizio vaccinazioni a domicilio per il paziente fragile, si apprende che bisognerà rivolgersi al medico di base affinché si adoperi per ottenere il servizio assistenza. E il medico di base, a sua volta, rende noto ai propri assistiti di aver già effettuato la necessaria prenotazione senza, però, aver ricevuto adeguata risposta. In pratica, ci si trova nel tunnel delle incompetenze generali, con le famiglie in continua apprensione per un Piano vaccinale che non sembra sia per tutti.

Il Governo, nella persona del ministro della Salute Speranza, fissa nuovi obiettivi per il Servizio sanitario nazionale da raggiungere nei prossimi mesi per  sciogliere il nodo dell’assistenza vaccinale a domicilio al fragile, rivedendo la macchina burocratica e i meccanismi della comunicazione tra le Aziende Sanitarie Locali e i cittadini. Contestualmente si fa notare che la quota dei vaccinati ha raggiunto livelli importanti e che, a cominciare da giugno, ci si potrà avviare a un percorso di minori ristrettezze anti Covid e della ripresa, più decisa, di tutte le attività produttive. Sperare bene conforta, ma confortano di più i fatti concreti e tanta responsabilità.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Incidente mortale sulla A18, scontro tra due auto: minorenne perde la vita, 5 feriti

Incidente mortale nella notte sulla A18 dove ha perso la vita un minorenne e sono rimaste ferite gravemente 5 persone.

Sovrintendente Foss, Miccichè: “Dubbi sulla nomina, l’Ars faccia chiarezza”

"Chiederò All’Ars di esaminare i curricula per verificare se la scelta è caduta sul migliore. Tutto ciò era stato già anticipato dai giornali che evidentemente sapevano come sarebbero andate le cose”.

Sanità, Barbagallo: “Carenza di personale al Gravina di Caltagirone, situazione grave”

“Nel dibattito di oggi è emersa tutta la gravità della situazione dell'ospedale ‘Gravina’ di Caltagirone. Oggi anche la commissione sanità dell’Ars ha voluto vederci chiaro".

Covid in Sicilia, 168 nuovi contagi e 8 morti in un giorno: il bollettino

I dati del bollettino quotidiano del ministero della Salute: ecco le rilevazioni del 16 giugno.

VIDEO| Nuova eruzione dell’Etna, fontana di lava e pioggia di cenere su Catania

L'Etna dà spettacolo con una fontana di lava, durata circa un'ora, dal cratere di Sud-Est e l'emissione di un'alta nube eruttiva che si è trasformata in pioggia di cenere lavica.