31.4 C
Palermo

Festival Ierofanie, gran finale al Tempio di Segesta con Elina Duni & Rob Luft Duo

DaLeggere

Gran finale all’insegna della musica internazionale martedì 24 ottobre, alle 19,30, al Tempio di Segesta, per il Festival “Ierofanie – L’anima della Sicilia, i luoghi del Sacro” promosso dall’assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’identità Siciliana, Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, con il patrocinio del Comune di Calatafimi-Segesta, prodotto e organizzato da Francesco Panasci per Panastudio productions, con la direzione artistica di Claudio Collovà e il coordinamento degli incontri culturali di Fulvia Toscano.

Dopo il successo di pubblico di questi giorni per i laboratori che sono svolti nei locali della biblioteca di Calatafimi e gli spettacoli andati in scena al Parco di archeologico di Segesta, la chiusura del Festival è affidata al concerto “Songs of love and exile” di Elina Duni & Rob Luft. L’ingresso è libero. In duo con il musicista londinese Rob Luft (chitarra), Elina Duni (Albania) presenta brani dei suoi ultimi album: Lost Ships, A Time to Remember, pubblicati dalla prestigiosa etichetta tedesca ECM, dove canta in nove lingue diverse, attingendo al repertorio tradizionale di Albania, Kosovo, Armenia e Sud Italia, sviluppando la sua personale ricerca espressiva grazie alla fusione tra melodie della tradizione e sonorità jazz.

Elina Duni e Rob Luft

Elina Duni è tra le voci più intense della nuova scena musicale europea, arrivata in Svizzera bambina, dalla natia Albania, ha elaborato un suo personale percorso, per affermarsi come stella nascente nel panorama jazz europeo. La sua voce ci ipnotizza con antiche canzoni albanesi interpretate in chiave jazz. Rob Luft, è nato nel sud di Londra nel 1993. Nel 2016 ha ricevuto il Kenny Wheeler Jazz Prize dell’Accademia grazie alle sue capacità di improvvisatore, arrangiatore e compositore. Vincitore di prestigiosi premi internazionali, Rob ha suonato tra gli altri con Django Bates, The Cinematic Orchestra, Loose Tubes e Arve Henriksen, Enzo Zirilli e fa parte del nuovo quartetto di John Surman.

Un festival che si è svolto, per la seconda edizione, nei parchi archeologici di Naxos-Taormina, diretto da Gabriella Tigano, e di Segesta, diretto da Luigi Biondo, con la partecipazione di tantissimi ospiti per quindici appuntamenti, fra tavole rotonde, incontri con scrittori e studiosi, laboratori, seminari esperienziali, spettacoli di teatro, e concerti. Un programma incentrato sui temi del Sacro, declinato in forme e linguaggi differenti, che il pubblico ha dimostrato di avere particolarmente apprezzato, con una grande partecipazione a tutte le iniziative in cartellone.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli