13.1 C
Palermo

Donne uccise a Naro, massacrate “dopo aver respinto le avance del killer”

DaLeggere

Le due donne rOmene assassinate nella notte tra giovedì e venerdì nelle loro rispettive abitazioni a Naro, in provincia di Agrigento, sarebbero state massacrate dopo avere respinto “un approccio sessuale” da parte del presunto assassino. Ne sono convinti i magistrati di Agrigento che indagano sul duplice delitto per il quale ieri sera è stato fermato un romeno di 23 anni, accusato di duplice omicidio e vilipendio di cadavere.


Duplice femminicidio di Naro, c’è un indagato: è un romeno di 23 anni

Delitto di Naro, segni di violenza su uno dei cadaveri: interrogati due uomini


Secondo quanto ricostruito dal Procuratore aggiunto Salvatore Vella che coordina l’inchiesta, l’uomo fermato avrebbe cenato a casa di Delia Zarniscu di 58 anni, con un amico 52enne. Dopo le prime avance, la donna avrebbe respinto le richieste sessuali del presunto assassino. Così, l’uomo, da solo, avrebbe raggiunto l’altra vittima, Maria Rus di 54 anni, che era sola in casa.

Prima l’avrebbe picchiata selvaggiamente e poi le avrebbe dato fuoco. Il romeno sarebbe quindi tornato a casa della prima vittima e l’avrebbe massacrata a colpi di televisore e suppellettili. È intanto in corso l’autopsia sui corpi delle due donne. Arriveranno quindi lunedì mattina a Naro i Ris dei Carabinieri di Messina per eseguire i rilievi dopo il massacro. È stata la Procura di Agrigento, che coordina l’inchiesta, a chiedere il sopralluogo dei Ris.

 

 


LEGGI ANCHE:

Duplice femminicidio a Naro, una vittima in un lago di sangue: l’altra carbonizzata

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli