11 C
Palermo

Blitz antimafia a Palermo, i boss contro Riina: “Buscetta sì che aveva le palle”

DaLeggere

Ozzy Osbourne annulla il tour: “Non sono in grado di affrontarlo”

L’intero tour di Ozzy Osbourne, compresa la data prevista per il 12 maggio all’Unipol Arena di Bologna, è cancellato.

Meteo, inizio febbraio tra caldo anomalo e gelo

Altalena termica: le temperature saliranno in modo repentino entro il weekend, in particolare nei valori massimi; poi, da lunedì prossimo, dovremo tirare di nuovo...

L’avvocato della vittima di Alfredo Cospito: “Lo ha gambizzato, ma il 41 bis è inutile”

”Io sono contrario in termini generali al 41 bis, perché la ritengo una misura inadeguata, che lede i diritti previsti dalla nostra Costituzione”.

Alfredo Cospito resta al 41 bis, il medico: “Con il carcere duro morirà”

”Alfredo Cospito è stato trasferito ieri nel carcere di Opera, ma questo non ha cambiato assolutamente il regime carcerario del detenuto”. Lo ha dichiarato il vice premier Antonio Tajani.

“Io mi faccio il conto che eravamo i padroni del mondo perché tu andavi da una parte e trovavi il portone aperto”. “No, tutte cose sono finite. Quando una persona ha il delirio di onnipotenza… Nella vita per far funzionare qualsiasi cosa ci vuole equilibrio”. Ragionavano così Antonino Anello e Gioacchino Badagliacca, arrestati dai carabinieri nell’ambito del blitz antimafia di questa mattina che ha colpito il mandamento di Palermo e, in particolare, la famiglia di Rocca Mezzomonreale. Sette le misure cautelari emesse dal gip ed eseguite all’alba tra Palermo, Riesi e Rimini. In manette sono finiti Pietro, Gioacchino e Angelo Badagliacca, Marco Zappulla e Pasquale Saitta. Ai domiciliari, Michele Saitta e Antonino Anello.


Il codice di “comportamento del mafioso”, l’omicidio sventato: 7 arresti a Palermo


“Tiri la corda e la rompi… perché si è mangiato tutto e ha portato alla distruzione”. Non sapendo di essere intercettati, Anello e Badagliacca discutevano sui motivi che – a loro dire – avevano portato al progressivo indebolimento di Cosa nostra. Ti dico una cosa, sarebbero cambiati lo stesso i tempi, ma però non saremmo combinati in questa maniera… non con tutti questi pentiti”. “Perché tu pensi che se lui non si fosse comportato così, ci sarebbero stati tutti questi pentiti?”. Il dito, spiega il gip Lirio Conti nell’ordinanza di custodia cautelare, è puntato, contro “la feroce gestione” dell’associazione da parte dell’allora capo indiscusso Totò Riina, che aveva portato all’esecuzione di omicidi eccellenti di appartenenti alle forze dell’ordine e di persone estranee a Cosa nostra nell’ambito del suo progetto stragista.


Mafia, Gratteri: “Riina era un cretino e la ‘Ndrangheta ne ha approfittato”


“Quando tu metti mano con gli sbirri ma che senti fare (che vuoi fare, ndr)? – diceva Gioacchino Badagliacca ma poi non è nel dna di questa cosa. Le bombe là fuori, fare morire gente innocente… Queste cose onesto sono? Cose di un cristiano che ha onore? Ma perché se muori tu, muore tua figlia a te ti piacerebbe? Che è innocente”. Una strategia che, secondo il ragionamento di Badagliacca condiviso da Anello, aveva portato in tanti a non credere nei “principi” dell’organizzazione mafiosa, indirizzandoli verso la scelta di collaborare con la giustizia. Un dialogo, in cui scrive il gip, “si percepiva il rammarico dell’uomo d’onore che aveva visto indebolirsi l’organizzazione a cui ancora si fregiava di appartenere secondo una scelta oltranzista e ortodossa”.

“Non è che uno vuole giustificare – ragionava ancora il boss – perché uno nella vita fa una scelta e la deve portare sempre avanti fino alla morte, però ha portato al punto le persone a non credere più in quello che fa”. Una critica che investiva non solo la “gestione” Riina ma anche quei mafiosi che si erano alleati con lui, tra i quali lo storico capomandamento Antonino Rotolo, per il quale secondo Badagliacca e Anello, era già stata decretata la condanna a morte, scongiurata solo grazie alla carcerazione. “Nino Rotolo è vivo perché è stato arrestato…”. I due interlocutori, annota il gip nell’ordinanza, interloquivano anche della “statura” mafiosa di Tommaso Buscetta.Tuo nonno mi dice che era un cristiano con sette paia di coglioni“, tagliava corto Anello.

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Agente di polizia penitenziaria aggredito al carcere di Termini Imerese

Aggressione nei confronti di un agente della polizia penitenziaria al carcere di Termini Imerese, in provincia di Palermo.

Spettacoli, Manlio Dovì e Chris Clun a Palermo con “Spasso… a due”: ecco quando

A Palermo due generazioni di comicità a confronto: quella del varietà classico all’italiana di Manlio Dovì e la satira virale ed irriverente che passa prima sui social network di Chris Clun.

Tragedia sfiorata a Ficarazzi, mamma sviene e finisce sul figlio neonato di 4 mesi

I carabinieri sono stati avvisati dalla nonna del piccolo.

Smog, 29 città su 95 oltre i limiti giornalieri: tra queste Palermo e Catania

Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di Pm10 e tra queste ci sono anche Palermo e Catania.