11.3 C
Palermo

I pescatori bloccati in Libia, Di Maio: “Stanno bene, li monitoriamo”

DaLeggere

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha risposto oggi in Senato sulla questione dei pescatori siciliani bloccati in Libia dall’1 settembre con l’accusa di aver sconfinato dalle acque internazionali e di portare a bordo un carico di droga.

“Monitoriamo quotidianamente lo stato di salute dei pescatori: si trovano in buone condizioni, non sono detenuti in un carcere ma in una struttura indipendente, non hanno contatti con detenuti, sono trattati in maniera corretta e hanno ricevuto per il tramite dell’ambasciata a Tripoli le medicine di uso abituale”.

Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, rispondendo nel corso del question time ad un’interrogazione inerente al sequestro dei due pescherecci siciliani da parte libica.

 


Articoli correlati:

Pescherecci sequestrati in Libia, Romano: “Il governo regionale blocchi il gasdotto”

Pescherecci siciliani sequestrati, Miccichè: “Governo nazionale inconsistente”

Pescherecci sequestrati in Libia: l’appello di Musumeci ai parlamentari siciliani

Pescherecci sequestrati in Libia, Scoma: “Preoccupati per la sorte degli equipaggi”

Sequestro pescherecci in Libia, Musumeci: “Intollerabile silenzio di Di Maio”

I pescherecci sequestrati in Libia, Di Maio: “Non accettiamo ricatti”

Pescatori mazaresi detenuti in Libia, i familiari occupano il Municipio

I pescatori rapiti in Libia: i familiari protestano davanti a Palazzo Chigi

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli