7.8 C
Palermo

Il Papa all’Angelus: “Preghiamo per i pescatori bloccati in Libia”

DaLeggere

La vicenda dei pescatori mazaresi bloccati in Libia tra i temi toccati da Papa Francesco nell’Angelus di oggi in piazza San Pietro a Roma. “Prego perché il dialogo internazionale sia rilevante per il futuro della Libia. È giunta l’ora i porre fine alle ostilità e che il Paese ritrovi la pace. Preghiamo insieme per i pescatori e per la Libia”.

Il riferimento del Pontefice è ai pescherecci “Antartide” e “Medinea” che l’1 settembre sono stati sequestrati dalle autorità libiche con l’accusa di aver oltrepassato le acque internazionali e di portare a bordo della droga. Le imbarcazioni sono state sequestrate e i 18 membri dell’equipaggio sono stati fermati. Da allora non sono bastati l’impegno del governo nazionale e regionale per sbloccare la vicenda.

L’8 ottobre, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha invocato l’interessamento dei parlamentari siciliani eletti in Europa e in Parlamento. Un mese prima aveva rivolto il suo appello al premier Giuseppe Conte, dichiarando di giudicare “intollerabile” il silenzio del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Le famiglie dei pescatori, nelle settimane scorse, hanno manifestato incatenandosi davanti a Palazzo Chigi e, successivamente, occupando la sede del Comune di Trapani.

 


Articoli correlati:

Pescherecci sequestrati in Libia, Romano: “Il governo regionale blocchi il gasdotto”

Pescherecci siciliani sequestrati, Miccichè: “Governo nazionale inconsistente”

Pescherecci sequestrati in Libia: “L’appello di Musumeci ai parlamentari siciliani”

Pescherecci sequestrati in Libia, Scoma: “Preoccupati per la sorte degli equipaggi”

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli