10.7 C
Palermo

Pestaggio omofobo a Palermo, massacrata dal branco in pieno giorno: il racconto della vittima

DaLeggere

“Umiliazione fattore di crescita”, bufera sul ministro dell’Istruzione Valditara

Una frase infelice, sicuramente. Qualcosa di più, stando alle reazioni. “L’umiliazione è un fattore fondamentale nella crescita e nella costruzione della personalità“.

Caro energia, forno spento per metà italiani: addio anche a stufe e phon

Gli italiani stretti dalla grave crisi economica ed energetica cambiano abitudini in cucina con la metà degli italiani (50%) che ha deciso di ridurre o rinunciare all’uso del forno elettrico.

Qatar 2022, classe e gol: riflettori puntati su CR7 e Neymar

Quinta giornata di partite per la fase a gironi di Qatar 2022, fanno il loro esordio al mondiale due dei giocatori più attesi: Cristiano Ronaldo e Neymar.

Covid, Ricciardi: “Non è finito, è una strage silenziosa”

“Il Covid-19 non è finito, rimane altamente endemico in Italia. Non abbiamo i dati tutti i giorni, ma alla fine della settimana contiamo decine di migliaia di casi e centinaia di morti".

Pestata a sangue perché “non si capisce molto se sono maschio o femmina“: è successo il 31 maggio scorso a Palermo, vittima una ragazza oggetto di una brutale aggressione mentre si recava ad un colloquio di lavoro al centro commerciale Forum. Giada Tripi è stata affrontata da una baby gang che l’ha massacrata con calci, pugni e ingiurie di ogni tipo. È stata colpita con violenza pure dopo essere stata scaraventata per terra. La sua colpa? Quella di vestirsi in modo poco femminile. Impresa ardua quella di fornire un resoconto di “fredda cronaca” nel momento in cui gesti così vili sembrano essere perpetrati da individui che possono essere definiti esseri umani soltanto per approssimazione. Le parole di Giada, del resto, raccontano meglio di qualunque considerazione la crudeltà dell’accaduto che purtroppo non è il primo che si verifica a Palermo


Violenza omofoba a Palermo, siamo tutti responsabili: legge Zan subito |EDITORIALE


Sono stata vittima di omofobia e di una violenza non immaginabile”, racconta. “Mi trovavo nel posto sbagliato al momento sbagliato? Non lo so. So solo che mi stavo recando ad una semplice prova di lavoro presso il centro commerciale Forum. Un gruppo di cinque ragazzini senza alcun motivo ha iniziato a deridermi, denigrarmi per il modo in cui mi vesto (come tutti d’altronde), per i capelli corti e per il fatto che non si capisce molto se sono ‘maschio o femmina’. Di questa brutta storia c’è però un ‘lato positivo’, ovvero che l’aggressione è avvenuta al centro commerciale e quindi sono state prese le registrazioni che filmano questo gruppo di ragazzini”.

Il 30 maggio 2021, una coppia di turisti torinesi era stata aggredita dal “branco” nella centralissima via Maqueda. Sempre lo stesso copione, l’accerchiamento, gli insulti, poi il massacro. L’indifferenza della gente. Qual era la colpa? Si tenevano per mano. In quel caso non erano bastate le botte a mani nude, ma erano state usate delle bottiglie di vetro. Con Giada si sono “limitati” ai calci e ai pugni in testa mentre era riversa per terra. Una lenta esecuzione eseguita, secondo il suo racconto, sotto gli occhi di testimoni che non avrebbero mosso un dito.

“Chi stava facendo shopping o si stava recando dentro il centro commerciale si nascondeva nell’indifferenza perché ‘non tocca loro’ – racconta ancora –  e infatti, mi hanno tolto questi ragazzini di dosso nel momento in cui tutti e cinque si stavano divertendo a picchiarmi violentemente mentre io ero a terra. Sono scappati non appena hanno capito che si sarebbero messi nei guai. Non auguro mai a qualcuno di ritrovarsi in queste circostanze e pensare ‘sto morendo?’, ‘cosa ho fatto di male?’, ‘è colpa mia?'”. Sempre secondo il racconto della vittima, gli aggressori si sarebbero pure vantati del raid omofobo, informazione che la ragazza avrebbe saputo da chi ha poi tentato di sostenerla.

“Ovviamente ho sporto denuncia perché non ho intenzione di stare in silenzio solo perché lo Sperone è il quartiere che è. Non ho paura di combattere per i miei diritti e la mia libertà di espressione, per il mio orientamento sessuale ma in generale per la mia persona.
Diritti che tra l’altro vengono protetti dalla costituzione stessa e da leggi internazionali.
Quello che mi è successo non è solamente la mia lotta, ma appartiene anche a chi subisce violenze sulla base di altre ragioni”.

 

 


Articoli correlati:

Violenza omofoba a Palermo, circondati e umiliati: un amico racconta il pestaggio

Palermo, aggredita coppia di turisti gay: pestati perché si tenevano per mano

Palermo contro le discriminazioni, in piazza per dire “sì” alla legge Zan

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli

Ustica, sindaci isole siciliane insieme per superare il gap dell’insularità

Da Ustica riparte la volontà di tutti i sindaci delle piccole isole della Sicilia di unirsi per affrontare in sinergia le nuove sfide per lo sviluppo socioeconomico dei territori.

A Palermo il primo Sportello di microcredito privato della Sicilia: è l’ente Asterisco

L'ente di formazione professionale Asterisco, a Palermo, diventa ufficialmente uno Sportello di Microcredito, diventando il primo Sportello privato in Sicilia.

Teatro, debutto per “Giusto”: al Biondo di Palermo il monologo di Rosario Lisma

Debutta martedì 29 novembre alle 21,nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, lo spettacolo Giusto di e con Rosario Lisma.

VIDEO | Catania, truffa sui carburanti: sequestro di beni da 25 milioni di euro

Presunta truffa sui carburanti tra Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria.

Covid, chiude l’hub della Fiera: a Palermo un nuovo centro vaccinale

Una nuova struttura potrà accogliere l'hub delle vaccinazioni anti-Covid a Palermo.