6.5 C
Palermo

Giudice di Catania, bufera sul video: la Lega invoca dimissioni, Pd contro Salvini

DaLeggere

È ancora polemica sulla giudice di Catania Iolanda Apostolico e ora la Lega arriva a chiederne “le dimissioni immediate”. La giudice, che non ha convalidato il trattenimento di migranti tunisini, compare in un video del 2018 sul quale è scoppiata la bufera. “Apprezzamento per gli insulti contro Matteo Salvini postati dal compagno mai smentiti – si legge in una nota della Lega – e imbarazzante presenza a una manifestazione dell’estrema sinistra con la folla che insultava le Forze dell’Ordine. Per rispetto nei confronti di tutti gli Italiani e delle istituzioni, ora ci aspettiamo le dimissioni immediate”.


Catania, giudice libera migranti irregolari. Piantedosi: “Impugnare la sentenza”


Sul caso della giudice di Catania oggi è tornato lo stesso Salvini. “È motivo di grave imbarazzo per le istituzioni – ha detto in un video il vicepremier – conto sulla collaborazione di tutti affinché prevalgono buonsenso ed equilibrio”. La questione continua a tenere banco anche nelle opposizioni. “Io sull’immigrazione non la penso come Salvini, anzi, sono agli antipodi. Ma credo che il ministro leghista abbia ragione quando chiede che i giudici diano le massime garanzie di imparzialità – scrive Matteo Renzi nella sua enews – e questa giudice – sul tema – non può essere percepita imparziale se scende in piazza e partecipa a una manifestazione politica”. 

Il Pd a più voci parla di “dossieraggio”. Per i senatori del Pd Anna Rossomando e Walter Verini “la caccia scatenata da Salvini alla persona della giudice Apostolico è davvero incredibilmente grave. Il Ministro non è nuovo a queste cose: una decina di anni fa dette vita ad un altro episodio squadrista, andando a protestare sotto casa della Ministra Fornero, mettendo a rischio anche la sicurezza della famiglia. Ma la vicenda di ieri merita risposte, che il Ministro Piantedosi deve dare. Come è uscito e da dove quel filmato? Chi lo ha confezionato? Esistono forse archivi dedicati? Il fatto solleva interrogativi inquietanti”.

Dichiarano in una nota, pur osservando che “la partecipazione a manifestazioni politiche, tanto più nel territorio del Distretto Giudiziario nel quale si opera, appare inopportuna. Ma questo – concludono – non può, non deve in nessun modo motivare o giustificare aggressioni personali, delegittimazioni squadriste, di magistrati e della magistratura”. 

Antonio Misiani, della segreteria nazionale Pd. “Riassumiamo – scrive su X – qualcuno ha girato e conservato un video di una manifestazione di cinque anni fa (25 agosto 2018) che evidenzia la partecipazione della giudice Apostolico (che la destra sta attaccando a testa bassa per aver disapplicato il decreto Cutro sull’immigrazione) e lo ha trasmesso al vicepremier Salvini, che prontamente lo ha pubblicato sui social. Domanda n. 1: chi ha girato quel video? Qualcuno nel cordone di polizia, come ipotizzano alcuni media? Domanda n. 2: chi ha conservato e trasmesso il video al vicepremier Salvini (per coincidenza, ex ministro degli Interni…)? Domanda n. 3: che cosa pensa la presidente Meloni del vero e proprio dossieraggio di Stato messo in atto dal suo vice contro la giudice Apostolico per intimidire lei e tutta la magistratura?”. 

Replica il deputato e vicecapogruppo della Lega Igor Iezzi: “Mentre a sinistra sbraitano cercando di spostare l’attenzione su altro, il vero e unico scandalo è il comportamento della dottoressa Apostolico che ne compromette l’imparzialità e la credibilità. L’abbiamo vista apprezzare volgarità contro Salvini, scendere in piazza con la folla che insulta la polizia, ne abbiamo letto le dichiarazioni sui giornali. Difficile pensare ci siano alternative alle dimissioni”. 

 

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli