34.1 C
Palermo

Pescatori mazaresi detenuti in Libia: i familiari occupano il Municipio

DaLeggere

Hanno occupato la sede del Comune di Mazara del vallo le famiglie dei 18 pescatori bloccati in carcere dalle autorità libanesi dal primo settembre. Il 22 settembre avevano manifestato davanti a Palazzo Chigi sostenendo che il governo non stesse facendo abbastanza per liberare i loro parenti.

L’obiettivo – spiegano – è scuotere il governo affinché si trovi una soluzione per liberare i pescatori”. L’accusa per i marittimi è di aver invaso le acque libiche e di portare droga a bordo dei due perscherecci “Antartide” e “Medinea” che sono stati sequestrati.

Proprio ieri, il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha scritto ai parlamentari europei e nazionali eletti in Sicilia per chiedere il massimo impegno per trovare una risoluzione al problema.

Anche il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, sempre ieri, si è detto contrariato per l’azione del governo nazionale da lui giudicata poco incisiva definendo l’Esecutivo “inconsistente“.

 


Articoli correlati:

Pescherecci siciliani sequestrati, Miccichè: “Governo nazionale inconsistente”

Pescherecci sequestrati in Libia: l’appello di Musumeci ai parlamentari siciliani

Pescherecci sequestrati in Libia, Scoma: “Preoccupati per la sorte degli equipaggi”

Sequestro pescherecci in Libia, Musumeci: “Intollerabile silenzio di Di Maio”

I pescatori rapiti in Libia: i familiari protestano davanti a Palazzo Chigi

I pescherecci sequestrati in Libia, Di Maio: “Non accettiamo ricatti”

 

- Sponsorizzato -

Leggi anche:

SCRIVI UNA RISPOSTA

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Sponsorizzato -

Ultimi articoli